CannabisRepressione

Ancora una sentenza assurda: condannato al carcere per la cessione di 2 semi di cannabis

Ancora una sentenza assurda: condannato al carcere per la cessione di 2 semi di cannabisCondannato a sei mesi di carcere per aver venduto, regolarmente e con emissione di scontrino fiscale, due semi di cannabis. Una vicenda che ci riporta indietro nel tempo, all’epoca – che si riteneva ormai superata – delle retate e delle persecuzioni contro i growshop.

La condanna ha colpito Ivan Conte, gestore de “Il Canapaio” di Guagnano, in provincia di Lecce. L’imputato è stato condannato per “istigazione a delinquere”. Il Pubblico Ministero aveva richiesto addirittura una condanna a 1 anno e 10 mesi.

L’indagine era stata avviata il 24 maggio 2014, quando i carabinieri avevano fermato due ragazzi trovandoli in possesso di due semi di cannabis e di alcuni opuscoli sulla coltivazione. I due avevano affermato di aver acquistato i semi al canapaio di Guagnano e di aver ricevuto dal titolare gli opuscoli e alcuni consigli sulla coltivazione.

Ciò è bastato al giudice per emettere la propria condanna. Tanto più assurda considerando il fatto che niente di quanto ceduto da Ivan Conte è vietato dalla legge. I semi di cannabis sono venduti in tutta Italia in modo perfettamente legale, ed ovviamente lo sono anche gli opuscoli con informazioni relative alla cannabis ed alla coltivazione.

In un video rilasciato sui social network Ivan Conte ha raccontato alcune fasi del processo, sottolineando l’assurdità della condanna avvenuta di fatto per aver distribuito degli opuscoli e venduto dei semi perfettamente legali.

Non si conoscono al momento altri dettagli sulle ragioni addotte dal giudice per emettere la sentenza, visto che non sono state ancora depositate le motivazioni della sentenza. Di certo, questa vicenda riporta il nostro paese bruscamente indietro nel tempo, all’epoca delle perquisizioni di massa dei canapai.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.