Da che si ricordi, Galup ha sempre avuto una passione per il reggae. Trasformarlo nel suo lavoro è quindi stato “naturale”, tanto quanto “aggirare” la pandemia, non consentendole di fermare né la musica né il suo flusso creativo lungo questo strano anno. Stando al suo ultimo brano appena pubblicato e disponibile sulle piattaforme streaming e digital stores, l’artista bresciano non ancora trentenne ha trovato proprio nell’isolamento forzato un’occasione di crescita per tornare a focalizzarsi sulle cose che contano davvero. La natura, prima di tutto. “Abbi cura di te” infatti non è solo una canzone, ma come dice Galup: “È una celebrazione al rapporto tra l’uomo e la natura, e un invito a cogliere quella bellezza che, distratti dal superfluo, abbiamo spesso sottovalutato.” Ne abbiamo approfittato per chiedergli cos’altro ci siamo persi per strada e da dove iniziare per recuperarlo.

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "Google Youtube" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.

Grazie alla musica, possiamo dire che Bob Marley lo abbiamo conservato?
A quarant’anni dalla sua morte, la sua musica è ancora qui accanto a noi, risuona in radio e nei sound system di tutto il mondo, come se lui fosse ancora sul palco a cantare. Possiamo definirla immortale, senza temere di esagerare. Per quanto mi riguarda non esiste un momento della mia vita in cui non è partita dal nulla in spiaggia, in montagna o mentre cucino con la mia donna una “Could you be loved” cantata a squarciagola. Il significato a volte, come nel mio caso, non è legato all’artista in sé o alla sua filosofia, ma i momenti indimenticabili che la sua canzone ha saputo accompagnare.

Sei un rastaman: che significato ha nel 2021?
Sono convinto che le basi siano il rispetto e la condivisione tra gli esseri umani, quindi all’interno del mio team, ormai una famiglia in continua crescita, ma soprattutto un occhio di riguardo verso l’ambiente e questo deve essere un messaggio da trasmettere a tutti i costi. Nel mio caso lo faccio con le canzoni. Sono convinto che ci potrebbe essere molto più supporto da parte di noi artisti verso associazioni che promuovono la tutela e la sensibilizzazione ambientale.

Il tuo nuovo brano, “Abbi cura di te”, non a caso è un invito a recuperare un rapporto sano con la natura. Il tuo, come lo vivi?
Sono perennemente a contatto con la natura, non vivrei mai in città e mi sento fortunato di poter beneficiare di questo feeling diretto con la terra. “Abbi cura di te” , prodotta da Andrew D e XS Music presso il Ritmo & Blu Studio per Bonnot Music Label, è un invito a tornare alle origini, alle cose semplici, perché ciò che abbiamo vicino a noi lo sottovalutiamo troppo spesso.
La pandemia, le zone rosse, tutta questa situazione di isolamento, mi hanno fatto capire due cose: che i rapporti umani e il contatto sono le cose più importanti e che intorno a me, nell’arco di 30 km, esistevano realtà che nemmeno conoscevo. Da lì ho capito che dovevo far qualcosa per puntare l’attenzione sulle cose stupende di cui non ci accorgiamo pur avendole sotto al naso, per invitare e invogliare la gente a godersi questo pianeta in maniera alternativa apprezzando la natura in purezza. Così è nato il mio progetto che potete trovare sui miei profili social con il supporto di atleti del nord Italia per mostrare sport estremi a contatto con la natura.

Nel video si fa esplicito riferimento ai nativi americani, perché?
Per sottolineare che abbiamo davvero bisogno di un ritorno alle origini. Per questo posso solo che ringraziare Fausto De Stefani, leggenda dell’alpinismo e persona straordinaria, per l’ aiuto e il supporto, oltre alle Associazioni culturali  “Made in Brescia” e “Quelli della Piazza” che hanno finanziato il tutto affiancati da Az. Agr. La Grotta, CBDream e Mariello’s Pub.

Com’è stato l’ultimo anno senza musica dal vivo?
Stare in campagna mi ha permesso di condurre la mia vita in serenità, continuando a scrivere e produrre nuova musica. Non vedere il team e gli amici con la solita frequenza è stato difficile da accettare inizialmente, poi siamo comunque riusciti a lavorare a distanza, anche con una certa intensità, cosa che ci ha permesso di realizzare, tra le altre cose, “Abbi cura di te”. Ciononostante la nostra musica non può prescindere dal contatto diretto con le persone, ecco perché la voglia di tornare a sudare insieme alla band sui palchi è immensa.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.