Abbiamo messo a confronto 2 strain molto differenti tra loro, ma con tempi di fioritura simili, focalizzando l’attenzione sulle differenze delle ditte impiegate, fertilizzando stessi soggetti con concimi diversi anche se entrambi 100% bio.

Setup:
Stanza: 300x300x190
Luci: 2x400w (“superplant” hibrid mh/hps), 2x600w (“venture” sun amster dual spectrum)
Tavolo: 2x2x1 Vassoio duma/danish tray irrigazione passiva
Estract: vk 200 (750 m3/h) + max carbon filter stesso diametro
Intract: Vk 125 (320 m3/h)
Centralina: Gse Temp. Humid underpress
Terra: Gaia compost (100% bio con guano e micorrizze)
Vasi: 1,2litri (7gg) 12 litri (restante ciclo)
Fertilizzanti: Gaia/Bio Canna + micosat “t” + trickoderma
Strain: Jamaican dream (Eva seeds), Moham Ram (Sweet Seeds)

Come si vede dalle foto ho seminato in maniera sfalzata a 10 giorni di distanza entrambe le varietà.

IMG1 j.d six m.ram dx 10-20 gg vegetativa   IMG 4 jamaican 24 gg ante gaia -poste canna

Curioso notare come le Moham Ram siano partite più rapidamente delle Jamaican Dream per poi essere nettamente sorpassate dalle stesse al 20°gg di vegetativa.

Al 24° giorno di vegetativa ho già somministrato 2 volte, Radix e Bio Rizothonic, e 1 volta i concimi per la vegetativa, Bio Vega e Vegetabilis. Cominciano a differenziarsi gli stili di crescita e l’influenza dei fertilizzanti sui differenti soggetti, ma la salute generale sembra ottima e la fase vegetativa va spedita per entrambe le razze.

In questa fase riconoscere i soggetti diventa difficile, ma al 40° gg sono evidenti i primi prefiori.

IMG9   IMG10

La crescita è vigorosa e molto rapida, fatta eccezione per qualche problema di pH manifestatosi in alcuni soggetti di Moham Ram.

Come suggerisce il mio maestro, misuro sempre il pH dell’acqua di scolo dei vasi per capire meglio cosa succede nella zolla di terra. Dopo 40 gg di vita, e 3-4 applicazioni tra stimolatori e concimi, nell’acqua di scolo di alcuni soggetti si è evidenziato un leggero inacidimento (pH 5) della zolla, per entrambe le marche usate. Ciò mi ha spinto a seguire il consiglio di un altro maestro, “ultras radicale” del biologico, cioè di non correggere l’acqua quando si usano fertilizzanti 100% bio come Canna e soprattutto Gaia.

Ecco alcuni particolari dell’enorme massa radicale, da notare le ife (i peletti bianchi) molto lunghi e sviluppati grazie all’apporto dei funghi e dei batteri simbiotici. Certamente è anche merito di un substrato equilibrato e “molto vivo” microbiologicamente.

IMG11   IMG12

Le foto di seguito mostrano la fioritura avanzata di entrambi gli strain, siamo all’85° gg per la Moham (che doveva essere la più lenta) e al 91° gg per le Jamaican Dream (la più rapida secondo Eva Seeds). Cime molto diverse, odori differenti ma per buona sorte quasi stesso tempo di fioritura.

IMG 16   IMG 17

Il raccolto se si considera la totale organicità dei fertilizzanti è stato più che soddisfacente. In particolare, sapore/odore di frutta cotta e matura un po’ speziato per la Moham, abbastanza dolce nonché più comune e riconoscibile per la Jamaican Dream, con note balsamiche nell’odore. Entrambe molto vigorose anche se la Jamaican Dream risulta più produttiva. Certamente 2 varietà da provare suggerite sia per novizi sia per chi cerca alta produzione. Mi è stato chiesto di riportare le differenze tra queste 2 marche di fertilizzanti.

In primo luogo c’è da dire che per capire correttamente le differenze è necessario partire con dei cloni, più omogenei nella crescita. Inoltre sono solito fertilizzare poco o pochissimo come in questo caso. Alla luce di ciò posso dire di non aver notato grandi differenze tra i due concimi, se non per una leggera o leggerissima difficoltà nel depurare e bonificare completamente l’odore dei fertilizzanti dalle cime con i nutrimenti Canna (anche se forse ciò è dovuto alla mia imperizia).

Il substrato Gaia ha aiutato molto a mantenere equilibrato il pH influendo sul vigore e sulla velocità di crescita di tutti i soggetti, ma come già detto non c’e’ stata grande differenza tra stessi soggetti fertilizzati con Gaia o Bio Canna. Entrambe le fertilizzazioni hanno risposto in maniera equilibrata, dando un sapore ed un aroma che solo i concimi biologici riescono a conferire.

a cura di Otidnab





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.