HipHop skillz

Fuoco Negli Occhi – Indelebile (recensione)

Fuoco Negli Occhi – Indelebile (Grande Onda)

Fuoco Negli Occhi - Indelebile (recensione)Aspettavo questo disco da un po’. In effetti sarà che sento questa crew bolognese piuttosto “vicina” in termini “umani”, di attitude e di mentalità, un po’ perché rappresentano una bella realtà underground, di quelle che vorrei definire “real”, quelle che – qualsiasi cosa facciano – non dovrebbero sputtanarsi. Insomma aria buona e fresca nella stanza dei fumatori. Il trio composto da Brain, Prosa e Chiodo, con occasionali partecipazioni della moglie di Brain aka Micha Soul, ha già all’attivo altri due dischi di collettivo e qualche lavoro solista o parallelo (specie di Brain in effetti), conquistando sempre commenti positivi e una buona reazione a livello di consensi, dunque “Indelebile” per forza rientra tra gli osservati speciali di questo periodo. Il disco parte col botto, con quel Ceri (Rap N Bass) che non sbaglia più un beat e con un buon pezzo di presentazione/riscaldamento. Da li in poi un bel caleidoscopio di beatmakers si alterna (ben 11, tra cui Shocca con due buone prove, XXX Fila, i fortissimi Statiks, James Cella, Tacash, Nada, Teone, i Numa Crew, D-Ego e Mc Def e Dj Ferro), riuscendo comunque a mentenere un certo equilibrio, pur con dei picchi dubstep e elettronici davvero fuori dal coro. A livello sonoro, come dicevo, il disco da l’esempio di come si possono percorrere sentieri classici e attuali allo stesso tempo (confrontatemi Shocca con gli Statiks…e poi ne parliamo), pur mantenendo identità e coerenza di fondo. Basta solo avere personalità al microfono, coerenza stilistica e tematica e ovviamente talento. I pezzi scorrono, fra buoni racconti (tematiche a volte neanche troppo originali ma sempre presentate con stile e tecnica), rime ad effetto e qualche episodio particolarmente godibile (per i testi Il Vizio, Storie, E’ Inutile, per i pezzi pià disimpegnati Chi Ha Parlato, Mic Megalo e Sottosuolo); i tre rapper sono sempre convincenti, a patto che si amino gli extrabeat di Chiodo e Brain (forse la loro caratteristica più lampante). Dal punto di vista tecnico tutti e tre si collocano su buonissimi livelli, in particolare mi ha colpito Prosa: ottimo flow, il fascino del rap francese (sarò di parte) ma soprattutto per un’ottima interpretazione di fondo, che risulta un po’ piatta e mono-tono invece negli altri due compagni (avevo già espresso questa considerazione nella recensione del disco di Brain e Lord Madness). Micha Soul interviene poco, purtroppo non dandoci la possibilità di apprezzare a pieno le sfumature che potrebbe offrire. nonostante l’ottima voce e le armonizzazioni, l’idea è che le sue parti siano un po’ ripetitive nella costruzione e non fanno esplodere i pezzi come dovrebbero (e le qualità per farlo penso che possa averle tutte). Le presenze e le collaborazioni si fanno sentire, specie con quei due mostri che sono Orifice Vulgatron dei Foreign Beggars (yes, il nano punjabi) e Specta dei Sayan Supa; ottimo anche Claver Gold in uno dei pezzi migliori del disco (Il Vizio). Gli episodi dubstep (et similia) sono davvero riusciti e creano una buona altalena nell’ascolto, che diventa così anche più vario.
Non è l’album che mi aspettavo. E forse è meglio così. Credevo che gli FNO avrebbero sentito la pressione di dover dimostrare qualcosa. E invece si sono lasciati andare, hanno corso il rischio. Vista la presenza di pezzi così musicalmente diversi tra loro poteva diventare una raccolta di canzoni un po’ fine a sé stessa e invece sono riusciti a costruire un album da capo a piedi, ben fatto e solido, alternando atmosfere varie e senza esagerare in nessuna direzione. Me lo sto ascoltando da un po’ ormai, conferma anche della longevità d’ascolto. Daje Fuoco Negli Occhi!

————————————————————————————————————————————————

Giovanni “Zethone” Zaccaria

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button