In quest’epoca in cui i social network sembrano avere il predominio sulla vita che viviamo, siamo arrivati al punto di non ritorno: una cosa non è vera, se non la mostro sui social network. E così un 17enne di Olevano, in provincia di Salerno, per la smania di ottenere “molti like”, ha postato su Instagram una foto della pianta di cannabis che stava amorevolmente coltivando nel giardino di casa.

Insieme alle reazioni entusiaste di alcuni follower, un altro “amico” virtuale ha pensato che, invece che mettere un bel cuoricino sotto la foto, la reazione più giusta fosse quella di andare a denunciare l’accaduto. Fatto sta che il 17enne, dopo la perquisizione, è stato arrestato.

Come ci era già capitato di scrivere tempo fa, sugli utilizzi compulsivi dei social network esistono ormai interi saggi e corsi di studio dedicati, i ricercatori dell’Università del North Carolina si sono spinti sino a coniare il nome clinico di “sindrome del like” per definire l’atteggiamento di chi cerca in modo patologico di attrarre l’attenzione dei propri amici virtuali, mettendo in scena la propria vita alla ricerca di popolarità. Il problema è che la volontà di apparire più fighi agli occhi di amici e conoscenti si è spinta fino alla pubblicazione di foto di piantine di cannabis, panette di hashish o buste di erba essiccata e pronta all’uso, con il risultato che il “like” anziché dagli amici di facebook sempre più spesso arriva direttamente dalle questure sotto forma di visita a domicilio da parte delle forze dell’ordine.

Ma ci sono casi in cui la realtà supera anche la fantasia. E’ successo ad Ostia, dove due ragazzi, in mancanza di un altro modo per pesare il fumo che uno dei due aveva co sé, hanno ben pensato di recarsi al supermercato della città, per pesare la una panetta da un etto circa e staccare 5 grammi al resto. Si sono così diretti al reparto frutta e, senza nemmeno guardarsi intorno, hanno proceduto con l’operazione. Per loro sfortuna erano presenti gli addetti del negozio, che, dopo aver capito cosa stesse succedendo, hanno chiamato i carabinieri che hanno arrestato il ragazzo in possesso del fumo, un 23enne romano.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.