High times

Frenchy Cannoli, the king of hashishin, è passato a miglior vita

Secondo quanto riferito in un sentito post su Instagram di sua moglie Kimberly, l’amato insegnante, consulente, artigiano e attivista, nonché hashmaker Frenchy Cannoli è morto lo scorso 18 luglio a causa di complicazioni durante un intervento chirurgico, un evento totalmente inaspettato, secondo la sua famiglia.

Cannoli era noto per il suo hashish “senza pari”, e la maggior parte delle persone che gli erano vicine descrivono il suo personaggio come assolutamente unico. Era una vera e propria autorità nel mondo degli estratti solventless e per questo era molto rispettato, tant’è che si usa il “metodo Cannoli” per la particolare lavorazione di alcuni tipi di hash pressati con bottiglie di acqua calda.

Cannoli, nato il 13 dicembre 1956, è cresciuto a Nizza, in Francia, ed è stato naturalmente attratto dall’hashish importato nella zona alla fine degli anni ’60. Ha vissuto come nomade per oltre 20 anni, spesso presso i tradizionali produttori di hashish imparando così tecniche tramandate da generazioni; di cui ne ha preservato la storia nel tempo rendendola fruibile al pubblico nei suoi innumerevoli workshop e seminari chiamati “Lost art of The hashashin” dove parlava dei suoi viaggi nelle comunità rurali dove si produce hashish, dal Messico al Pakistan, passando per il Marocco e l’India.
Trasferitosi nei primi anni del 2000 stabilmente in California, ha continuato a promuovere l’istruzione pubblica post-legalizzazione, sviluppando standard di classificazione dell’hashish e supportando le certificazioni regionali di coltivazione per la produzione di cannabis, ispirate alle regole della “appellation d’origine contrôlée”.

Nel 2018 abbiamo avuto il piacere e l’onore di intervistarlo, inoltre Frenchy ha curato per Dolce Vita la rubrica “Art of Hashishin“, dedicata al mondo dell’hashish. Qui tutti i suoi articoli.

Ci uniamo al dolore della famiglia e della moglie Kimberly che lo ha sempre assistito, anche nelle pubblicazioni, oggi perdiamo un uomo buono che nutriva un profondo rispetto per questa pianta e le sue molteplici sfaccettature e che sicuramente aveva ancora tanto da insegnarci.

Cannatrade 2018, Zurigo




SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.