Un presidio di protesta per chiedere la chiusura immediata di tutti i negozi che vendono cannabis light. A organizzarla il partito Fratelli d’Italia a Roma nella giornata di ieri, che lo ha proclamato davanti alla vetrina di un growshop di via del Corso.

I suoi militanti si sono ritrovati in una decina appena, con striscione e cartelli sotto il sole della capitale, in un mercoledì mattina nel quale evidentemente non avevano di meglio da fare. Lo striscione recitava “chiudere i cannabis shop subito” dietro la firma della Gioventù Nazionale, ovvero l’organizzazione giovanile del partito Fratelli d’Italia Anche se, così a occhio, diversi tra loro la gioventù l’avevano salutata da un pezzo.

“Basta spaccio per contratto di governo”, “No alla cultura della droga” si leggeva sui deliranti cartelli tenuti in mano dai (più o meno) giovani del partito guidato da Giorgia Meloni. Aspiranti professionisti della mistificazione, la cui propaganda si basa evidentemente sul tantivo di far presa sulla parte meno informata della popolazione promuovendo un assioma totalmente falso e intellettualmente criminale: la cannabis light è uguale alla marijuana; la marijuana è uguale all’eroina perché non esistono droghe leggere e pesanti; quindi i growshop sono centri di spaccio che promuovono morte.

Volontà di mistificare i fatti che si riscontra anche delle dichiarazioni rilasciate ai media: «Chiediamo la chiusura imediata dei negozi che spacciano cannabis nel rispetto della sentenza delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione secondo cui è reato commercializzare i prodotti derivati della cosiddetta cannabis light». La sentenza della Cassazione in realtà non dice questo (un approfondimento si trova a questo link) ma che è illegale vendere cannabis che abbia capacità drogante di principio attivo, soglia che la legge fissa nell0 0,5% di THC, limite che quasi nessuna varietà di canapa legale supera. Qualcuno lo spieghi ai “giovani” seguaci della Meloni.

 

 





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.