download (2)“Niente è come sembra, niente è come appare, perché niente è reale”. Questa frase (contenuta nella quarta traccia) è la chiave di lettura di tutto, “Il vuoto”, e pone in evidenza la sua ragion d’essere: la difficoltà e la gioia di sondare la realtà al di là dell’apparenza, consci della falsità dell’ultima e dell’inconsistenza della prima.

Seppur meno sperimentale rispetto a “X stratagemmi” non mancano piacevoli sorprese elettroniche (ad es. “The game is over”) ed in generale ne guadagna l’aspetto concettuale di un cd che andrebbe preso come un piccolo libretto filosofico-mistico nel quale ogni canzone è un aforisma. Ben lungi dal poter essere considerato portatore di un messaggio nichilista questo Vuoto di cui ci parlano Battiato e il filosofo Sgalambro (autore di “Aspettando l’estate” e co-autore di tutti gli altri testi) apre nuove vie e ascensioni verso “stati di gioia”, non a caso ultimo brano del disco.

a cura di Giampaolo Berti





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.