Ambiente e natura

Francia: mille km di strade solari daranno energia a 5 milioni di famiglie

strada solare francia“Walking on sunshine” è una canzone di trent’anni fa, che adesso sarà realtà in Francia. Anzi, per i cugini d’oltralpe sarà “Driving on sunshine”.

Il governo francese ha infatti appena approvato un progetto di pavimentazione di mille chilometri di strada con pannelli fotovoltaici entro i prossimi cinque anni. Se avrà successo, il progetto darà energia a cinque milioni di famiglie, l’otto per cento della popolazione nazionale.

L’idea è semplice: le strade in media sono occupate dalle automobili e dai camion solo per il 10% del tempo. Perché non trovare un modo intelligente per usare queste enormi colate di bitume come generatori di energia per il rimanente 90% del tempo?

Presto fatto, ci si sono messi, l’hanno pensato e voluto, ed eccoci qui: la costruzione delle strade al sole inizierà nella primavera del 2016.

Segolene Royal, ministro dell’ecologia e dell’energia di Francia ha già stanziato i fondi e gli appalti sono stati affidati alla ditta Colas che provvederà alla costruzione di celle fotovoltaiche adatte al transito di automobili dette Wattway panels. Queste Wattway panels useranno silicio policristallino in vari strati per intrappolare i fotoni di luce.

Sono state progettate per essere usate su ogni tipo di strada, sono resistenti a carichi pesanti e non c’è bisogno di particolari accortezze per l’installazione. Pure i camion possono passarci sopra. I pannelli devono solo essere piazzati sopra l’asfalto, senza il bisogno di smantellare niente. Il loro spessore e’ solo di sette millimetri. Ciascun Wattway panel, di venti metri quadrati di superficie in condizioni ottimali, può dare energia ad una singola casa. Non male no?

E come per tutte le cose, niente nasce a caso. Dietro a Wattway ci sono cinque anni di programmazione e di ricerca con una collaborazione fra la Colas, l’Istituto Nazionale per l’Energia Solare di Francia (INES) e l’Agenzia Francese dell’Ambiente e dell’Energia.

Ma chi sta dietro a questa Colas? Colas sta per Cold Asphalt, ditta fondata nel 1929. La loro attività si è focalizzata per quasi novant’anni sull’uso di bitume, asfalti per strade, materiale isolante per i tetti. Hanno spesso lavorato con le ferrovie e le autostrade di Francia e circuiti di Formula Uno. E poi… poi hanno deciso di innovare e si sono inventati Wattway, diventando i pionieri mondiali di questi pannelli. I tempi cambiano, le esigenze cambiano, e sono sicura che l’investimento in Wattway sarà per loro redditizio anche da un punto di vista di business.

Non è la prima volta che tutto questo accade: già in Olanda nella città di Krommenie hanno piste ciclabili sulle quali sono installati pannelli solari, e imitazioni sono in corso in tutto il mondo. Anzi, si pensa che queste strade a solare saranno installate in modo sempre più capillare nelle “smart cities” del futuro, visto il continuo crollo dei costi del solare, e vista la loro utilità.

Intanto in Germania apre la prima autostrada delle biciclette, anche qui un progetto di mille chilometri di piste ciclabili senza interruzione, con corsia di sorpasso e su un vecchio tracciato di ferrovia nella Ruhr tedesca. Si calcola che una volta a regime, questa bici-strada porterra’ all’eliminazione di circa 50,000 viaggi di automobili l’anno, collegando Duisburg, Bochum e Hamm e quattro università.

Tutti questi esempi mostrano che non siamo condannati a fare buchi e a spremere monnezza dal sottosuolo. Che il futuro sono sole e vento, creatività e coraggio. Le trivelle sono vecchie, sono il passato. L’ha capito pure una ditta di bitume. Gli unici che non l’hanno ancora capito sono Federica Guidi e Matteo Renzi. A quando una strada al sole anche in Italia?

articolo tratto dal blog ufficiale di Maria Rita D’Orsogna





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.