Avvocato rulezTerapeutica

Finalmente assolto Fabrizio Cinquini: il medico pro-cannabis

Fabrizio-CinquiniFabrizio Cinquini è stato assolto dall’accusa di coltivazione ai fini di spaccio di 24 piante di cannabis. Il giudice del tribunale di Lucca lo ha assolto perché il fatto non sussiste. Termina così l’ennesima persecuzione giudiziaria alla quale è stato sottoposto il medico di Forte dei Marmi, simbolo della battaglia per la libertà di ricerca sulla cannabis terapeutica.

A darne notizia è stato l’avvocato Carlo Alberto Zaina, suo difensore insieme all’avv. Stefano Franchi, che con un post su Facebook ha raccontato: «L’imputato era accusato di avere coltivato 24 piante. Abbiamo dimostrato attraverso la perizia effettuata che 16 di queste contenevano percentuali di Thc estremamente basse e, quindi, ho sostenuto -assieme all’Avv. Franchi di Lucca – che non si potesse parlare di offensività della condotta.
Rimanevano 8 piante che presentavano una percentuale del 5% per un Thc pari a gr. 19. Credo sia evidente che il giudice abbia accolto la tesi che un simile quantitativo (se mai Cinquini avesse inteso teoricamente porlo sul mercato) per il suo modico peso non potesse accrescere affatto sensibilmente l’offerta illecita. Tra 45 giorni comunque le motivazioni. Ora la gioia perché finisce l’incubo».

Fabrizio Cinquini era stato arrestato lo scorso 5 maggio quando i carabinieri, probabilmente avvertiti da qualche vicino, avevano trovato il medico intento a curare le piante contravvenendo l’obbligo di dimora al quale era sottoposto. Cinquini stava coltivando 24 piante di cannabis, 16 in vaso e le restanti nel terreno, in un campo posto a pochi chilometri dalla sua abitazione. Una coltivazione che il medico aveva sempre rivendicato e non effettuato di nascosto (al punto da ospitare alcune troupe televisive), in un terreno contornato di abitazioni.

Fabrizio Cinquini scoprì le proprietà terapeutiche della cannabis direttamente su sé stesso, quando lo aiutò a guarire dall’epatite C contratta mentre prestava servizio su un’autoambulanza. Da allora ha dedicato la sua attività allo studio della cannabis, selezionando e studiando le proprietà delle diverse genetiche esistenti. Nel 2014, dopo mesi trascorsi tra il carcere di Massa e la detenzione domiciliare, venne condannato a sei anni di reclusione e 30 mila euro di multa.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button