Cannabusiness

Filtri e cartine? Ora li possono vendere solo i tabaccai

Filtri e cartine? Ora li possono vendere solo i tabaccai
Una nuova tassa, infilata nella legge di bilancio dalla quale era stato invece respinto l’emendamento sulla cannabis light, colpisce cartine e filtri. E dall’inizio del nuovo anno tali prodotti possono essere acquistati soltanto presso i tabaccai.

Come racconta Il Sole 24 Ore, il primo provvedimento attuativo della legge di bilancio firmato a poche ore dalla fine dell’anno è stato proprio questo, nonostante fino alla fine del 2019 potevano essere acquistati in qualsiasi rivendita commerciale e anche online. Il cambiamento repentino è dovuto solo ad una questione di soldi: i politici infatti nono hanno previsto una norma transitoria che potesse accompagnare il processo, e quindi per evitare di rinunciare ai soldi della nuova tassa, hanno deciso che la nuova legge sarebbe stata applicata da subito.

Secondo il quotidiano la nuova tassa rischia comunque di mettere in ginocchio le imprese italiane che producono cartine e filtri per il mercato del fumo italiano ed avrà un valore per le casse dello Stato di 30,6 milioni di euro l’anno.

Ma i problemi ci saranno anche per growshop e negozi di settore, visto che ad oggi l’unica alternativa sembra essere quella di restituire al produttore o al fornitore i filtri e le cartine che erano già in commercio prima dell’introduzione della nuova tassa.

“Io, come negoziante, non posso più acquistare forniture di filtri e cartine. Non si capisce se ci sarà o meno una deroga per poter terminare di vendere le forniture in corso. Sembra che si andrà in questa direzione, ma per ora non è ben chiaro”, racconta Filippo Vona, storico antiproibizionista e titolare dei negozi Grow Shop Italia. Sul fatto che possa rappresentare comunque un problema, Filippo spiega che: “Grazie ai quei prodotti un negozio fattura in media 20 euro al giorno che possono diventare anche 40 sotto le feste, quindi può comunque rappresentare una perdita di 3/4mila euro l’anno di fatturato. Non mi manderà in rovina, ma non è nemmeno una cifra da sottovalutare, anche perché sono prodotti sui quali c’era un bel ricarico”.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button