img2

Il ‘Muro del Canto’ insieme a Chef Rubio e ZeroCalcare sono riusciti nell’impresa di mettere al centro del Festival del Giornalismo (tenutosi a Perugia dal 15 al 18 aprile) il tema degli abusi in divisa e il lavoro che su questo svolge l’ass. ACAD insieme alle famiglie delle vittime. Proprio al centro della vetrina del giornalismo mainstream italiano che su questo tema non ha sempre brillato per onestà intellettuale e senso della verità.

Un’impresa voluta fortemente da Il Muro del Canto che, mentre scriveva la canzone “Figli come noi” ha subito voluto rendere questo brano uno strumento di lotta e sensibilizzazione; mesi di lavoro per coinvolgere artisti, personaggi pubblici di varia natura e le tante famiglie vittime di abusi in divisa affinché questa canzone diventi uno strumento collettivo per scuotere le coscienze e rompere la passività su un tema così importante nel nostro paese.

In tanti e tante hanno partecipato a questo video: Michele Alhaique, Luca Bertazzoni, Giulia Bosetti, Valerio Di Benedetto, Donpasta, Stefano Fresi, Elio Germano, Militant A, Pol G, Ignazio Oliva, Tommaso Piotta, Boris Sollazzo.

Insieme alle famiglie vittime di abusi giunte da tutta Italia per soffiare via gli abusi e prendere parte al videoclip della canzone. Hanno soffiato: Magherini, Brunetti, Budroni, Cucchi, Serra (nipote di Francesco Mastrogiovanni), Bianzino, Sandri, Zotti (moglie di Vito Daniele), Antignano (mamma di Daniele Franceschi), Bifolco, Ferrulli, De Michiel, Casalnuovo.

Nel video tanti i richiami ai fatti successi in questi anni: dal cellullare che squilla senza risposta come nella vicenda di Federico Aldrovandi alle vere cuffie di Gabriele Sandri (usate proprio nel videoclip) e anch’esse coperte dalla sabbia pesante degli insabbiamenti di Stato.

Marcello Saurino, autore e regista del video, ha deciso di mostrare il tema degli abusi in divisa mettendo al centro l’assenza e la solitudine che queste morti hanno provocato nella vita di tante persone e di tante famiglie invece di una spettacolarizzazione più scontata di sangue e violenza. Una solitudine e un’assenza da prenderci tutti in carico e da spazzare via con tanti soffi che sommati diventino un uragano.

#soffiamoviagliabusi perché nessuna divisa calpesti mai più l’umanità.

Guarda il video a questo link: www.youtube.com/watch?v=-5WW0GDJ1Ok

ACAD Team





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.