Un nuovo studio scientifico rivela che la cannabis standardizzata di grado farmaceutico con un alto contenuto di tetraidrocannabinolo (THC) è efficace nel trattamento del dolore muscolo-scheletrico causato dalla fibromialgia. È un lavoro sperimentale controllato contro placebo condotto su 3 diversi ceppi di cannabis forniti dalla società Bedrocan. In 4 diverse occasioni 20 pazienti con fibromialgia hanno ricevuto la varietà Bedrocan con 22 mg di THC, la varietà Bediol con 13 mg di THC e 18 mg di CBD, e Bedrolite con 18 mg di CBD o un placebo.

I risultati dello studio dei ricercatori del Leiden University Medical Centre, pubblicati sulla rivista Pain, mostrano che le due varietà di cannabis contenenti THC hanno dato un aumento significativo della soglia del dolore rispetto al placebo. L’inalazione di CBD ha aumentato le concentrazioni plasmatiche di THC ma ha diminuito gli effetti analgesici indotti dal THC, indicando interazioni sinergiche farmacodinamiche e farmacocineticamente antagonistiche di THC e CBD. Gli autori hanno scritto che questo «studio sperimentale mostra il comportamento complesso dei cannabinoidi inalati nei pazienti con dolore cronico con piccole risposte analgesiche dopo una singola inalazione».

Tjalling Erkelens, fondatore e CEO di Bedrocan, è particolarmente soddisfatto: «I pazienti hanno sperimentato un dolore significativamente inferiore rispetto al placebo ed è un risultato molto importante per coloro che soffrono di fibromialgia. Ora abbiamo le prove cliniche che i medici stanno chiedendo quando prescrivono i nostri prodotti e che le compagnie di assicurazione sanitaria vogliono avere per legittimare il rimborso».

Non in Italia, visto che ad oggi la fibromialgia, nonostante colpisca 2 milioni di persone, non è ancora una patologia riconosciuta. Nel febbraio del 2018 la Regione Emilia-Romagna era stata il primo ente pubblico a creare un ampio documento per la diagnosi e il trattamento della patologia spiegando che: «Verso il futuro lo sguardo che il gruppo di lavoro vuole proporre con il documento è rivolto a promuovere e incentivare la ricerca, in particolare sui cannabinoidi e sulle interazioni con l’alimentazione; unico modo concreto per rispondere adeguatamente ai bisogni dei pazienti, contrastando l’estrema proliferazione di fantomatiche cure che danneggiano la salute e il portafoglio delle persone con fibromialgia».





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.