img1

Sabato 13 ottobre presso il Leoncavallo s.p.a. si è svolta, come in tutti i centri sociali d’Italia, la tradizionale festa del raccolto, dove migliaia di persone si sono ritrovate per dare voce ai loro ideali antiproibizionisti. Questa edizione, in particolare, si è voluta promuovere come un piccolo manuale di autodifesa nei confronti della legge Fini-Giovanardi, la quale ha dato vita al massacro dei consumatori di sostanze stupefacenti.

Oscillano intorno ai 50mila l’anno i consumatori segnalati al Prefetto dalle forze dell’ordine, tre quarti dei quali solo per il possesso di un singolo spinello. Tutti questi temi sono stati trattati nel dibattito iniziato alle ore 21.00, anche se purtroppo solo dopo le 23.00 è iniziata la grande affluenza da “occasioni speciali”.

Durante la serata sono state distribuite ai presenti copie omaggio di DV, l’iniziativa è stata accolta positivamente e ha reso più piacevole la permanenza nella lunga coda per gli irraggiungibili braccialetti. Zion Train, Dj Gruff, Kinky Business e Vito War hanno dato vita ad una serata musicale molto coinvolgente, alla quale hanno partecipato tutti con molto entusiasmo, l’atmosfera era carica di divertimento e adrenalina.

Spostandosi tra le tante sale da ballo, la biblioteca, la sala scacchi e le bancarelle, la serata è sembrata scorrere via molto velocemente, e verso le 4.30 è iniziato il deflusso verso le uscite. La festa del raccolto è sicuramente un evento da non perdere per chiunque vuole tenersi informato sull’antiproibizionismo e per tutti quelli che vogliono divertirsi e passare una serata unica. Per quest’anno posso augurarvi buone fumate con ciò che avete raccolto! Ci vediamo alla festa della semina 2013!

Bart

Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy