High times

Essere pagati per fare esercizi sotto effetto di cannabis? In Usa è realtà

Essere pagati per fare esercizi sotto effetto di cannabis? In Usa è realtà
SPACE – ovvero Study on Physical Activity and Cannabis Effect – è il nome dello studio della Colorado University che mira ad esaminare da un punto di vista scientifico la correlazione tra l’uso della cannabis e l’attività sportiva. Una tendenza sempre più in voga infatti tra i fanatici della palestra è quella di accoppiare l’utilizzo della marijuana agli esercizi fisici, perché – a detta degli interessati – questo permetterebbe loro di provare più gioia nei loro allenamenti, nonché di impegnarsi con maggiore forza e concentrazione. “Ad oggi, non ci sono studi umani sugli effetti dell’utilizzo della cannabis legalizzata sull’esercizio fisico”, ha detto Laurel Gibson, dottorando del Dipartimento di Psicologia e Neuroscienze e ricercatore principale dello studio. “È qui che entriamo in gioco noi”.

Come verrà condotta la sperimentazione su cannabis ed esercizi fisici

Lo studio, a partecipazione volontaria, prevede la presenza di un campione di 50 uomini e donne, di età compresa tra i 21-40 e i 21-50 anni rispettivamente. I partecipanti dovranno incontrarsi con i ricercatori 3 volte durante tutta la durata della sperimentazione, e prima di questi incontri è richiesta l’assunzione di cannabis. In questi incontri, i partecipanti saranno condotti presso le strutture dell’Università, dove verrà richiesto loro di correre per 30 minuti e rispondere a delle domande sulla loro esperienza e prestazione. Il tutto sarà accompagnato da esami del sangue di controllo.

Coloro che partecipano allo studio possono guadagnare fino a 100 dollari, ma devono vivere nella zona di Boulder in Colorado, dove la cannabis è legale per uso medico e ricreativo dal 2012

Confrontando i dati ottenuti dall’analisi delle perfomance sportive sobrie rispetto a quelli sotto l’effetto di cannabis, i ricercatori sperano di giungere a risultati interessanti sulla questione. “La cannabis è spesso associata a una diminuzione della motivazione”, ha detto Gibson. “Ma allo stesso tempo, stiamo vedendo un numero crescente di resoconti di persone che la utilizzano in combinazione con tutto, dal golf allo yoga, dallo snowboard alla corsa.” Per ora le prospettive sembrano incoraggianti, ma bisognerà attendere l’esito di questo studio per averne conferma.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button