Industriale

L’industria della canapa si scaglia contro gli errori della Commissione europea sul CBD

Formula del cannabidiolo con un apinat adi cannabis sullo sfondo

Nel dicembre 2020 la Commissione Europea ha comunicato che il CBD poteva essere qualificato come alimento, ma da allora non sembrano esserci stati passi avanti. L’industria della cannabis si muove quindi contro gli errori e la stagnazione della Commissione Europea. Ecco la situazione attuale e le dichiarazioni, condivise su Businesscan, dei portavoce delle realtà coinvolte.

COMMISSIONE EUROPEA E INCB CONTRO IL CBD

Nonostante un primo apparente passo avanti della Commissione Europea verso il CBD e le sue applicazioni nel settore alimentare, la situazione attuale non sembra solo essere stagnante, ma sembra addirittura portare verso un cambio di rotta.

Al momento, infatti, numerosi progetti legati al CBD sintetico sono in fase di convalida e valutazione del rischio da parte dell’Autorità Europea per la sicurezza alimentare ed è proprio la mancanza di progressi delle oltre 130 applicazioni che preoccupa alcuni attori del settore, convinti che la Commissione Europea stia per intraprendere una dannosa inversione di tendenza sullo stato del CBD. Emblematica la situazione oltremanica, dove nel Regno Unito tre quarti delle domande legate ai prodotti Novel Food a base di CBD sono già state rifiutate.

Ad alimentare le preoccupazioni e il crescente pessimismo nel settore anche le interferenze dell’International Narcotics Control Board (INCB), che sembrano spingere affinché il CBD rimanga esclusivamente all’interno del settore medico, togliendo enormi possibilità all’industria alimentare e chiudendo l’Europa a un mercato il cui valore è attualmente stimato intorno al miliardo di sterline.

Da non dimenticare le giravolte che la Commissione europea ha già fatto sull’argomento: era il settembre del 2020 quando la Commissione diede il proprio parere preliminare dicendo che c’era la possibilità che il CBD sarebbe stato considerato uno stupefacente. Di lì a poco, in Italia, unicum a livello mondiale, sarebbe arrivato il decreto che inseriva il CBD tra gli stupefacenti. L’alzata di scudi in Italia ha portato il ministero della Salute a sospendere il decreto senza mai ritiralo, e anche le proteste europee avevano portato la Commissione a fare un passo indietro: nel dicembre 2020 infatti, dopo la sentenza della Corte europea, La Commissione aveva comunicato che il CBD può essere qualificato come alimento.

L’INTERVENTO E I COMMENTI DELL’INDUSTRIA DELLA CANNABIS 

In questo contesto, figure di spicco dell’industria alimentare e del CBD si sono nuovamente rivolte sia alla Commissione Europea che all’INCB chiedendo di considerare con attenzione le numerose prove mediche e scientifiche sulla sicurezza del CBD — già presentate all’Organizzazione Mondiale della Sanità — e di scartare l’idea di considerarlo al pari dei narcotici.

“Se le considerazioni dell’INCB diventassero legge, sarebbe un altro duro colpo per il mercato del CBD”, ha affermato Jürgen Neumeyer, amministratore delegato della German Cannabis Industry Association (BvCW). “Tutte le considerazioni per l’ulteriore manipolazione della cannabis e dei suoi estratti non dovrebbero essere basate su criteri ideologici, ma su criteri scientifici. A tal fine, l’OMS, con molti scienziati coinvolti, ha presentato nel corso degli anni criteri sufficienti e validi. Tutti gli organismi internazionali e l’UE dovrebbero essere guidati da questi risultati scientifici e non cercare di creare ulteriori ostacoli contro le sostanze innocue, come il CBD”.

“Le possibilità che venga intrapresa la strada proposta dall’INCB sono pochissime, perché questa va contro il diritto internazionale”, ha aggiunto Benjamin-Alexandre Jeanroy, di Augur Associates, società di consulenza sulla cannabis con sede a Parigi. “Se, tuttavia, la Comunità Europea decidesse di persistere su questa strada, possiamo aspettarci un altro paio di anni di limbo normativo e un processo lungo e costoso, come nel caso KanaVape. Non dimentichiamo, inoltre, che l’INCB è un’istituzione morente in costante ricerca di legittimità”.

Della stessa corrente di pensiero è anche Peter Reynoldsdirettore del gruppo commerciale Cannabis Professionals: “Il CBD è già stato valutato positivamente dall’OMS. Dall’INCB stanno quindi fondamentalmente cercando di giustificare la loro esistenza, una tendenza comune nella riforma della politica sulla droga, dove le burocrazie proibizioniste lottano per rimanere rilevanti nel nostro mondo in evoluzione”. Tuttavia, ha aggiunto: “Penso che, sia nell’UE che nel Regno Unito, il futuro del mercato del CBD sia assicurato dalla domanda dei consumatori. L’esperienza di milioni di consumatori dimostra che è sicuro ed efficace, indipendentemente dagli allarmismi assurdi e dalle preoccupazioni inventate dagli enti regolatori. Proprio come la domanda di cannabis da parte dei consumatori ha completamente sconfitto gli sforzi dei governi e delle forze dell’ordine di tutto il mondo, l’idea che il mercato del CBD sarà chiuso o sarà riservato esclusivamente alle grandi imprese è una fantasia burocratica”.

La risposta, che sarà inserita nella bozza finale della controversa Cannabis Initiative dell’INCB, dovrebbe essere pubblicata nelle prossime settimane. Il documento sarà poi presentato alla Commissione sugli stupefacenti (CND) prima di essere presentato formalmente alla CND per l’approvazione il prossimo marzo.

CBD NELL’INDUSTRIA ALIMENTARE: LA SITUAZIONE ATTUALE E I PRECEDENTI

Come affermato anche da Reynolds, il futuro del mercato del CBD sarà assicurato dalla domanda dei consumatori e lo conferma anche l’elevata richiesta di prodotti CBD a spettro completo sulle numerose piattaforme di vendita online.

Ci sono inoltre dei precedenti, come quelli ricordati da Kai-Friedrich Niermann, noto avvocato tedesco della cannabis, che ha dichiarato: “La Commissione Europea non ha altra possibilità che accettare i risultati della sentenza della Corte di giustizia europea nel caso Kanavape, in quanto si tratta di un cosiddetto precedente. E la Germania, dopo la depenalizzazione e la legalizzazione della Cannabis, non accetterebbe alcuna definizione degli estratti di canapa come narcotici”.

di Martina Sgorlon
Fonte: canapaindustriale.it

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button