Sbagliando s’impara, recita un vecchio detto, ma spesso lo dimentichiamo. Una delle origini del disagio della nostra attuale società risiede proprio nel nostro rifiuto, o incapacità, di accettare e comprendere l’errore, non solo degli altri ma anche quello compiuto da noi stessi.

Giulio Giorello e Pino Donghi, autori del breve saggio Errore, edito da Il Mulino, si domandano cosa saremmo noi se fossimo a prova di errore. O peggio ancora: cosa sarebbe di noi se non riconoscessimo gli errori e non imparassimo da essi?

L’errore è nella natura stessa delle cose, talvolta è inevitabile, ma può essere sempre e comunque un’opportunità: di imparare, di migliorare, di capire. Attraverso una serie di esempi di errori tratti dalle esperienze in campo aerospaziale, dalla genetica, dalla medicina e dal metodo scientifico, gli autori di questo libro ci portano a riflettere su come l’errore rivesta un ruolo fondamentale non solo per il progresso dell’umanità, ma anche nello sviluppo personale dell’individuo. L’errore ci destabilizza ma è parte indispensabile del cammino della conoscenza. Per questo non dovremmo averne paura.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.