Cannabis

Erba Volant, la prima web serie sulla cannabis light

Erba Volant, la prima web serie sulla cannabis light
Il cast del primo episodio: Andrea Venditti, PierCiro De Quarto e Alessandro Coccoli

Si chiama “Erba Volant” e ancora non esiste. O meglio, l’idea c’è e  anche il primo episodio della serie ma per realizzarla tutta c’è bisogno del contributo economico di tutti. L’intento di Enrico Iacovoni, regista che ha ideato il progetto, è quello di raccontare in chiave comedy il mondo che si muove dietro alla pianta di cannabis, nella sua versione light: dal coltivatore al consumatore finale, sciorinando tutte le contraddizioni, l’ipocrisia e gli interessi di chi si oppone alla sua legalizzazione. Un modo alternativo per sdoganare l’argomento, farlo arrivare a tutti e smuovere l’opinione pubblica. “Erba Volant” per il suo autore è una sorta di strumento “politico” antiproibizionista che è possibile finanziare anche solo con una piccola donazione di 5 euro sulla piattaforma di raccolta fondi Produzioni dal basso. “La cannabis rappresenta il concetto di lotta, di libertà, di emancipazione dal pensiero dominante. A livello simbolico sarebbe bello realizzarlo con il solo aiuto delle persone che credono in questa battaglia” dice Iacovoni a cui abbiamo chiesto di raccontarci di più.

Perché una serie sulla light?
Non volevo proporre la “solita” serie sulla cannabis: il “canapone” è un fenomeno tutto italiano che, per il paradosso legislativo in cui si trova, permette una critica ancora più efficace del modo ipocrita in cui questo paese gestisce certe tematiche. Conoscendo a fondo questo mondo, mi sono reso conto che gli spunti narrativi e i personaggi meritevoli di essere raccontati non mancano e che il pubblico può essere più vasto di quel che si tende a credere.

Qual è la storia?
Il protagonista è un regista idealista e fallito che, per campare, gira filmini di matrimoni, lavori che gli arrivano dall’attività di wedding planner della fidanzata. Lo accompagnano un fratello grower-spacciatore che vede nel commercio della canapa light e, più in generale, nella legalizzazione della cannabis, un pericolo per i propri affari, e il cugino che, aspettando l’occasione di una vita per sfondare come attore nel mondo del cinema, gira spot pubblicitari. I debiti e i guai economici sono sempre il migliore motore per smuovere una storia e i nostri tre non fanno eccezione. Indebitati fino al collo e allettati da facili guadagni, decidono di buttarsi nel business della canapa che, però, riserverà loro non poche sorprese.

Come sta andando la campagna di raccolta fondi?
A rilento e il motivo principale sta nel fatto che la politica di Facebook e degli altri social non permette la sponsorizzazione di contenuti che parlino o raffigurino la cannabis. Se ci provi, rischi la chiusura di pagina e account. Senza i social però è complicato pubblicizzare il crowdfunding. Lo stesso YouTube fa un gioco sporco decurtando le reali visualizzazioni che il video riceve.

Ma è vero che chi supporta “Erba Volant” riceverà l’erba a casa?
Certamente, come in ogni campagna crowdfunding che si rispetti, a ogni donazione corrisponde una ricompensa. Spedire l’erba a domicilio ci è sembrato il miglior modo per pubblicizzare la serie e premiare i sostenitori; non capita tutti i giorni di finanziare un progetto artistico e ricevere la TROKA a casa! Il progetto, inoltre, è rivolto a tutte le aziende del settore: per i più facoltosi sono previsti anche possibili product placement con cui poter mostrare un prodotto o un negozio o una coltivazione della propria azienda all’interno della serie. Ad esempio, ce lo vedo benissimo uno dei protagonisti mentre sfoglia Dolce Vita Magazine! In alternativa è prevista la citazione nei titoli di testa o di coda.

Erba volant, diciamolo, è prima di tutto un e-commerce nato nel 2019 sempre sulla spinta della light.
La cannabis è una passione che coltivo da quando avevo 15 anni e oggi posso dire che crescere e far maturare questa pianta è la cosa che so fare meglio. Dopo essere passato quasi illeso attraverso la Jervolino e la Fini/Giovanardi, ho pensato: “Che sarà mai buttarsi in un business in cui si fa finta di spacciare Marijuana?”. Inoltre la soddisfazione di potere finalmente e tranquillamente parlare al telefono di grammi e prezzi senza usare termini come c.d. o biglietti dei concerti era troppo allettante.

Da azienda come avete vissuto le ultime manovre politiche in tema?
Il settore della cannabis light è una scuola del crimine: io entrai con un diploma in Marjiuana e ne uscii con un dottorato in giurisprudenza“, l’ho letto su Facebook e in effetti è proprio così: ormai gran parte del mio tempo lo dedico a leggere sentenze e a interpretare leggi e circolari per poi rassicurare i rivenditori e poter dare spiegazioni ai clienti, manco fossi un avvocato!
Il problema degli ultimi mesi, più che la sentenza della Cassazione a sezione unite, che non ha cambiato sostanzialmente nulla del vuoto legislativo da cui siamo nati, è stato il terrorismo psicologico che i media e l’ex ministro dell’interno hanno fomentato con articoli, servizi e dichiarazioni: così facendo hanno messo a dura prova un mercato che si stava espandendo in misura esponenziale, senza aiuti statali o assistenzialismi; in piena crisi economica, credo che fosse l’unico caso in Italia.
Noi operatori del settore ci saremmo aspettati di essere difesi (almeno a parole) da chi si era sempre dichiarato favorevole addirittura alla legalizzazione, invece nulla: abbiamo vissuto un silenzio assordante che ha lasciato naufragare e fallire numerose imprese (e relative famiglie) che avevano creduto di vivere in uno Stato di diritto.

Per concludere, fai un appello: perché dovremmo sostenere “Erba Volant”?
Senza il supporto della rete, il progetto rischia di rimanere solo un progetto. Sarebbe bello poterlo realizzare con tutti i crismi che una tematica del genere richiede a cominciare dal cast e troupe che meritano di essere pagati nonostante abbiano appoggiato l’idea a prescindere da qualsiasi ritorno economico. Non sottovalutate la potenza di 5 euro. Basterebbero 6000 simpatizzanti per raggiungere l’obbiettivo. Vi amo tutti.

Erba Volant, la prima web serie sulla cannabis light

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button