La prigione di Nantes venne costruita nel 1869 non lontano dal centro della località francese da cui prende il nome, famosa per l’abbondanza di corsi d’acqua e fiumi che la attraversano quali la Loira, l’Erdre e la Sèvre.

Questo vecchio carcere è dal 2012 in stato di completo abbandono e destinato a divenire un cumulo di macerie entro la fine dell’anno per lasciare spazio alla costruzione di un nuovo complesso residenziale. Tuttavia, grazie all’iniziativa dell’associazione “Pick-Up”, impegnata nella diffusione della cultura hip-hop in Francia, la prigione è stata trasformata in una immensa galleria d’arte effimera che ospita i lavori di dieci artisti di strada sul tema dell’universo carcerario.

L’esposizione è intitolata “Entrata libera” ed è stata realizzata nell’arco di 17 giorni, periodo nel quale ogni artista ha espresso con stile proprio i differenti stati d’animo del carcerato spaziando tra angoscia, dolore, caos, redenzione e tormento.
Il graffito di due detenuti che lottano col coltello stretto in pugno e realizzato sulla parete esterna alla struttura, accoglie bruscamente il visitatore catapultandolo senza mezzi termini nel mondo crudo e promiscuo delle carceri. «Rappresentare degnamente le lotte contro i demoni nelle lunghe notti insonni non è stato facile», dice l’artista francese Katjastroph: «Per comprendere la privazione della libertà, occorre moltiplicare i sentimenti e portarli all’estremo».

I colori vividi e intensi conferiscono ai lavori una forte carica emotiva, per un’esperienza descritta da molti come toccante e difficile da dimenticare, utile anche per confrontare l’immaginario con la realtà delle cose. Per chi volesse visitare la struttura c’è ancora qualche mese di tempo.

 





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.