Nome e cognome: Ella Jane Fitzgerald
Nazionalità: americana
Gruppi: Chick Webb Orchestra
Singolo di maggior successo: Don’t mean a thing (if it ain’t got that swing)

Ella nasce il 25 Aprile 1917 a Newport News, Virginia, ma in seguito alla separazione dei genitori si trasferisce a Yonkers con la madre e il suo nuovo compagno, che molti dipingono come figura dannosa nella sua vita. In seguito alla morte della madre nel 1932, si trasferisce dalla zia e comincia a dare scarsi risultati a scuola, ma anche a fare lavoretti per la mafia e a lavorare in un bordello come ragazza immagine. Raggiunta dalle autorità, verrà mandata in un orfanotrofio da cui scapperà, vivendo per la strada fino al 1934. In questo anno Ella si iscrive ad una competizione amatoriale all’Apollo Theater. Abbandonata l’idea iniziale di presentarsi con un numero di ballo (l’altra sua passione) Ella decide invece di cantare “The object of my affection” e si aggiudicò il primo premio di 25 dollari. Nonostante i proprietari del locale non le concessero la parte di premio che le avrebbe consentito di esibirsi all’Apollo per tutta la settimana, a causa del suo aspetto trascurato, dopo la performance la carriera di Ella si mise in moto.

Sempre nello stesso anno incontrò il batterista Chick Webb, leader dell’omonima orchestra, il quale la accettò nella band. Ella si trovò così a suonare regolarmente nei locali più gettonati di Harlem. Il suo talento era quello dell’improvvisazione, specialista dello scat (usando la voce come strumento), riusciva ad improvvisare assoli vocali che ricordavano il suono del corno. La cantante riuscì ad ingraziarsi il favore anche del pubblico bianco con la sua voce pulita.

Nel 1938, insieme alla sua band, Ella fa conoscere al mondo la sua prima hit, una filastrocca per bambini riarrangiata: “A-tisket, A-tasket”. Dopo la morte di Webb nel 1939, il ruolo di leader del gruppo passò a Ella che lo rinominò: “Ella Fitzgerald and Her Famous Orchestra”. Fu però con l’arrivo degli anni ‘40 che la carriera della cantante fece un altro balzo verso le stelle: con lo scemare del successo dello swing jazz e con l’arrivo dello spasmodico be-bop.

Durante gli anni ‘50 e ‘60 consolidò la sua fama attraverso un grande successo critico e commerciale, che la fece definire First Lady of Song. Aveva una casa discografica creata apposta per poter produrre i suoi lavori e collaborava sistematicamente con artisti del calibro di Frank Sinatra e Louis Armstrong.

Continuerà ad incidere ed a girare il mondo cantando fino al 1991, quando i suoi problemi di diabete si aggravarono. Muore nel 1996, a Beverly Hills. Nella sua vita Ella Fitzgerald ha inciso 200 album e scritto circa 2000 canzoni. Molti si riferiscono a lei come ad una leggenda del Jazz.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.