isaac cordal

Si parla molto di sostenibilità e di cambiamento climatico, di come combatterlo, di come vivere green e di come sollevare l’attenzione della popolazione nei confronti di questa tematica. Spesso mi chiedo cosa serve ancora alle persone per comprendere che l’inquinamento e il riscaldamento globale sono temi reali e che necessitano l’attenzione e il contributo di ognuno di noi. Forse però le parole non bastano e per una volta dunque è la street art a svolgere un ruolo primario come mezzo di comunicazione.

Isaac Cordal è uno street artist spagnolo di 42 anni, ora residente in Belgio, capace di stregare, spingere e costringere l’osservatore a riflettere su varie tematiche quali politica, inquinamento, malinconia, economia e in modo particolare sul rapporto dell’uomo col cambiamento climatico.

img6

Al centro dei suoi lavori vi sono piccole statuette in cemento, non più alte di una ventina di centimetri, raffiguranti delle miniature umane dal volto non perfettamente definito, ma accomunate dall’abito e dalla tipica valigetta 24ore. «Riceviamo tutti gli stessi valori, in una società che ci vuole stampati tutti allo stesso modo – afferma in un’intervista Isaac parlando delle sue opere – e il cemento è la nostra impronta sulla natura». Uno dei suoi ultimi lavori “Politics discussing on global warming” è stato presentato in una piazza di Berlino all’interno di una pozzanghera e vale più di mille articoli e saggi sul tema del riscaldamento globale.

img5

L’installazione è composta da un folto gruppo di miniature ritraenti politici intenti a discutere il problema del riscaldamento globale, quasi interamente sommersi dall’acqua. Il messaggio è chiaro e forte: la classe politica discute dell’esistenza o meno di questa problematica da così a lungo, da ritrovarsi sommersa dallo scioglimento dei ghiacciai e dal mutare del clima. Speriamo che la nostra classe politica presto se ne accorga e trovi una soluzione prima di ritrovarsi come nel lavoro di Isaac Cordal.

img4

a cura di Enrico Pirana





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.