cannabisL’intergruppo parlamentare per la legalizzazione della cannabis ha messo a punto i capisaldi della bozza di legge da presentare alle camere: diritto all’autoproduzione, cannabis social club sul modello spagnolo e monopolio di stato per quanto riguarda la vendita. Alcuni dettagli potranno cambiare nelle prossime riunioni, ma l’impianto generale del disegno di legge sarà questo.

Obiettivo dell’intergruppo (che ha superato le 150 adesioni tra parlamentari e senatori di vari schiramenti) quello di trasformare la bozza in un vero e proprio disegno di legge al più presto e cercarne la calendarizzazione per il dibattito parlamentare entro l’estate.

DIRITTO ALL’AUTOPRODUZIONE. La bozza di legge riconosce il diritto alla coltivazione di cannabis al solo scopo di consumo personale. Ogni cittadino, previa comunicazione alla prefettura della propria città, ha il diritto di coltivare un massimo di 5 piante femmine di cannabis (quelle che contengono il principio attivo THC). La coltivazione può essere effettuata solo presso il proprio domicilio, e non in spazi pubblici o di altra proprietà. Rimane passibile di persecuzione ogni cessione a terzi della cannabis coltivata, anche a titolo gratuito.

CANNABIS SOCIAL CLUBS. La bozza di legge prevede anche la possibilità di creare associazioni private di consumatori, sulla scia dei cannabis social club (Csc) già diffusi in Spagna. Si tratta di circoli privati che possono essere formati da un massimo di 50 membri, maggiorenni e residenti in Italia. Ogni club avrà il diritto di produrre un numero di piante di cannabis congruo al solo consumo dei propri associati e non dovrà avere alcuno scopo di lucro. Per l’apertura dei Csc sarà necessaria una domanda alla prefettura locale completata da statuto e organi direttivi del club. Varrà il principio del silenzio-assenso: se entro 30 giorni dalla presentazione della domanda da parte delle autorità non perverrà alcuna comunicazione contraria il club potrà considerarsi autorizzato ad iniziare la propria attività.

VENDITA DI CANNABIS AI PRIVATI. Si prevede anche la vendita al dettaglio della cannabis. Essa sarà protetta da monopolio di stato, in modo analogo a quanto avviene per le sigarette. Sarà vietatate importazione ed esportazione: la produzione verrà affidata agli enti produttori (anche privati) che saranno autorizzati. Sarà comunque obbligatorio mantenere una totale tracciabilità della filiera produttiva, monitorare i livelli di Thc contenuto e attenersi alla selezione di semi e varietà autorizzate dallo stato avvalendosi dell’attività del Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura (CRA). La cannabis al dettaglio non sarà venduta presso i tabaccai, ma in centri di vendita autorizzati solo per questa attività.

Il pdf completto della bozza di legge (clicca per aprirlo)





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.