Sono una miriade i luoghi comuni sulla cannabis che le ricerche scientifiche di questi anni hanno smontato. Non è vero che fumare cannabis danneggia il cervello, non è vero che porta al consumo di droghe pesanti, non è vero – ovviamente – neanche che possa comportare casi di morte per overdose. Tra questi però oggi uno trova parziale conferma: fumare cannabis rende un po’ più pigri.

I TOPI STONATI VOGLIONO STARSENE TRANQUILLI. I ricercatori dell’Università della British Columbia hanno fatto un esperimento sui topi. Un determinato esercizio di abilità gli consentiva di avere come ricompensa una zolletta di zucchero, mentre l’esecuzione di un altro tipo di esercizio – che richiedeva uno sforzo maggiore –  dava accesso a due zollette premio. Solitamente i topi preferivano fare l’esercizio più difficile per avere il premio più ricco, ma tra quelli a cui era stato somministrato il THC i risultati sono stati contrari: preferivano fare l’esercizio meno impegnativo ed accontentarsi di un solo premio. Curioso il fatto che i ricercatori abbiano notato come i topi “stonati” fossero ancora perfettamente in grado di compiere anche l’esercizio più difficile: semplicemente non ne avevano voglia, prendevano una sola zolletta e poi si mettevano tranquilli a riposare.

MENO INTERESSE PER I PREMI ANCHE TRA GLI UMANI. Un esperimento quasi analogo è stato condotto anche sugli uomini dalla University College di Londra. Sono stati presi due gruppi di 20 persone, uno dei quali sotto effetto della cannabis. L’esercizio anche in questo caso chiedeva di optare tra due livelli differenti di sforzo per ottenere un premio, questa volta in denaro. Ogni partecipante doveva cliccare la barra spaziatrice del computer con un dito della mano non dominante. Con 30 click in 7 secondi si vincevano 50 centesimi di sterlina, mentre 100 click in 21 secondi davano un premio di 2 sterline. Il 50% dei partecipanti “non fumati” ha scelto di aumentare lo sforzo per avere due sterline, mentre nel gruppo sotto l’effetto del THC questa percentuale è scesa al 42%.

LA SINDROME AMOTIVAZIONALE È COMUNQUE TRANSITORIA. Queste due ricerche, seppur non certo definitive considerando lo scarso numero di casi presi in esame, sembrano confermare una correlazione tra cannabis e pigrizia. O forse, come ipotizzato da un altro studio, un più semplice “riorientamento dei valori” che può portare i consumatori di cannabis a rivedere la propria scala di priorità, dando più importanza al relax e meno al premio. La ricerca londinese ha anche provato a fare lo stesso esperimento con due gruppi, uno dei quali composto da consumatori abituali di cannabis che però non erano sotto il suo effetto al momento dell’esperimento. Lo scopo era quello di valutare se la mancanza di motivazione diventasse cronica dopo anni di consumo, ma in questo caso i risultati dei due gruppi sono stati analoghi. Anche questo è ovviamente un dato che ha bisogno di ulteriori conferme ma, a quanto pare, la “pigrizia” scomparirebbe insieme all’effetto della cannabis, senza dare conseguenze nel tempo.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.