franco-lojaÈ morto ieri a soli 42 anni Franco Loja, l’italiano che aveva contribuito a far conoscere nel mondo il mestiere dello Strain hunters, una vera celebrità del mondo cannabico mondiale. Franco sarebbe deceduto a causa di una malaria fulminante contratta mentre si trovava in Congo per una spedizione, ma su questo mancano ancora conferme che permettano di affermarlo con certezza.

E’ stato cofondatore della Green House Seed Co (una delle seedbank più note a livello internazionale), anche grazie alla sua instancabile attività di cacciatore di strain, ovvero di ricercatore di specie autoctone di cannabis in tutto il mondo, con la missione di cercare e preservare specie di cannabis sconosciute.

Franco aveva girato quasi tutto il mondo seguendo la propria passione, e su Dolce Vita aveva scritto, nel 2011, un appassionante racconto sulla propria spedizione alla ricerca di varietà di cannabis rare in Marocco, sapendo mescolare con competenza e bellissime qualità di scrittura annotazioni tecniche, storiche e sociologiche sulla produzione dell’hashish nei monti del Rif (a questo link il suo articolo completo).

Negli ultimi anni era diventato sempre più conosciuto a livello internazionale, diventando anche protagonista di un documentario intitolato “Kings of cannabis” pubblicato da Vice.

Sul sito listato a lutto della Green House Seed Co oggi capeggia una sua frase, con la quale crediamo sia giusto ricordarlo: 
La cannabis è la mia passione, il mio pane, la mia casa. Sento che è mio dovere fare in modo che questa pianta incredibile sia preservata e goduta da tutti. Io sarò un fumatore, un coltivatore, un allevatore e uno strain hunter per la vita.

Franco Loja, Strain Hunter (20/05/1974 – 02/01/2017)

franco-greenhouse





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.