High timesRepressione

È cannabis light: dissequestrati 72 chilogrammi del dottor Cinquini

È cannabis light: dissequestrati 72 chilogrammi del dottor Cinquini
A leggere i titoli dei giornali della scorsa estate, quando il dottor Fabrizio Cinquini era stato nuovamente arrestato, sembrava di aver a che fare con un pericoloso criminale. Le notizie parlavano di un sequestro di oltre 80 chilogrammi di cannabis e somme in contanti, paragonando il medico che da anni si batte per la libertà di ricerca e cura con la cannabis, ad un narcotrafficante.

La realtà, come avevamo anticipato e come è stato confermato dalla perizia del tribunale, era ben diversa: la gran parte del sequestro era cannabis light, che la moglie del dottore custodiva legalmente in quanto socia di un’impresa agricola che coltiva appunto canapa industriale. Ora 72 di quegli oltre 80 chili sono stati dissequestrati, perché la soglia di THC è sotto lo 0,6%, mentre il resto probabilmente ha sforato la soglia di THC. Un problema agricolo e tecnico, che non può portare a conseguenze legali perché, come prevede la 242, la legge che regola la canapa industriale, per un agricoltore che sfora le percentuali di THC nella propria coltivazione, qualora avvenga con semenze certificate a livello europeo, non può avere conseguenze penali.

Come proseguirà la vicenda? “Secondo me il PM dovrebbe archiviare gli addebiti per la signora Lucia Pescaglini (la moglie del dottore, ndr), e vedremo cosa succederà per il resto”, ci ha spiegato l’avvocato Carlo Alberto Zaina, che difende Cinquini. Il riferimento è agli altri addebiti che riguardano circa 300 grammi di cannabis ritrovata in casa del dottore, e soldi in contanti. “La cosa importante è il riconoscimento del tasso percentuale di THC che permette di stabilire se la canapa è light o meno, queste sono le cose importanti”.

Ora vedremo come si svilupperà la vicenda, sulla quale non mancheremo di darvi nuovi aggiornamenti, anche alla luce della battaglia in solitaria che il dottor Fabrizio Cinquini combatte da anni, senza aver nessuna voglia di smettere.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button