L’irruzione, rapida e ben pianificata, è avvenuta in un attimo. Due uomini entrano in un parco nel centro di Manchester, completamente vestiti di nero e con il volto coperto da un passamontagna con su scritto “Outlaw” (fuorilegge). Srotolano uno striscione con il disegno di una foglia di cannabis e la scritta “Free Bud”, quindi estraggono un pacchetto contenente marijuana e iniziano a regalarla ai passanti nello stupore generale.

Il video – registrato dagli stessi attivisti – mostra la gente prima stupita e poi sempre più felice mentre capisce che sta succedendo davvero: gli stanno regalando marijuana. In breve si forma una piccola folla che si mette in fila per ricevere l’ambito regalo.

In tutto – riportano i media britannici – in pochi minuti è stata regalata cannabis per il valore di 800 sterline inglesi (circa 900 euro)

I due uomini sono attivisti per la legalizzazione. In una nota – mantenendo l’anonimato – riportata dai giornali inglesi hanno dichiarato: “Mettiamo in discussione le leggi del Regno Unito e ci piace testare le autorità. Fino a quando qualcuno non riuscirà a convincerci che esiste una ragione legittima per cui la cannabis è illegale, continueremo a fare quello che stiamo facendo, indipendentemente dalla legge”.

Il video si conclude con l’immagine di uno degli attivisti fermato dalla polizia mentre si allontana dal parco.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.