sospensione patente guidaImportante sentenza emessa dalla Cassazione: affinché la sospensione della patente sia valida, non può essere considerato sufficiente il test delle urine, né il tampone salivare, ma la positività deve essere accertata come “certamente esistente” nel momento del fermo di polizia tramite analisi mediche. La sentenza è stata emessa in seguito al ricorso presentato da un automobilista al quale era stata sospesa la patente per uso di cocaina, ma le conseguenze del pronunciamento investiranno la guida sotto l’effetto di ogni sostanza psicotropa vietata, cannabis compresa.

“La condotta tipica della contravvenzione in commento prevista dal codice della strada – si legge nella sentenza – è quella di colui che guida in stato di alterazione psico-fisica determinato dall’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope, e non semplicemente quella di chi guida previa assunzione di tali sostanze. Quindi, perché il conducente sia penalmente responsabile, è necessario provare non solo l’assunzione di sostanze stupefacenti, ma anche che abbia materialmente guidato in stato di alterazione causato da tale assunzione”.

Se – prosegue la sentenza – oltre all’accertamento tossicologico non vi sono prove che consentano di ritenere che il conducente abbia guidato sotto effetti di stupefacenti (come le condizioni fisiche denuncianti la palese alterazione con sintomi tipici di assunzione di stupefacenti in atto né, tanto meno, una visita medica a supporto) la condanna va annullata“.

Con questa sentenza, che arriva a coprire – come spesso accade in tema di droghe – una colpevole mancanza del legislatore, dovrebbe aver finalmente fine la repressione arbitraria che fino ad oggi hanno subito i consumatori di sostanze psicotrope. Migliaia dei quali si sono visti sospendere la patente a seguito di test, come quello delle urine, che sanciscono la positività del controllato anche a settimane di distanza dalla ultima assunzione.

“Si tratta di una sentenza di importante, quanto tardivo, buon senso – afferma l’avvocato Carlo Alberto Zaina – che finalmente porrà fine ai due indirizzi errati che fino ad oggi hanno segnato l’ambito delle sanzioni per guida sotto effetto di sostanze: il principio dell’automatismo, dato dalla sola positività dell’esame, cioè dalla presenza di metaboliti della sostanza, ed il principio dell’empirismo, che demandava alla percezione soggettiva da parte degli agenti il giudizio sulla condizione di eventuale alterazione della persona che fosse risultata positiva all’esame delle urine”.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.