2015-07-20 01.37.52 pmE’ opportuno che gli scandali avvengano: e se il (piccolo) scandalo del test antidoping inflitto con uno stratagemma a cinquanta parlamentari è servito a discutere almeno un po’ che cosa sia oggi il mercato della “droga” e chi ne siano i consumatori, le Iene vanno senz’altro ringraziate. Tre deputati su dieci avrebbero assunto stupefacenti nelle trentasei ore precedenti il test; per la precisione, l’8% sarebbe risultato positivo alla cocaina e il 32% alla cannabis.

Abbiamo dunque un Parlamento di tossicodipendenti? Secondo la legge in vigore, e a sentire certi giudizi che hanno cominciato a piovere, certamente sì. Secondo il buonsenso, certamente no. Se le Iene avessero fatto il loro test in un liceo o in un network televisivo o ad un convegno di architetti, non avrebbero probabilmente avuto risultati molto diversi. La cocaina è da tempo una “droga sociale”, relativamente diffusa in alcuni specifici ambienti professionali: sulla sua pericolosità la discussione è aperta.

Quanto alla marijuana, basterà un dato: esistono in Italia un centinaio di negozi che vendono, in modo perfettamente legale, tutto l’occorrente (semi inclusi) per coltivarsi in casa le piantine. Poiché quei negozi ogni mese devono pagarsi l’affitto e le spese e devono far mangiare chi ci lavora, se ne deduce che qualche migliaio di italiani ogni mese comincia a coltivarsi l’erba in casa. La cosiddetta “droga leggera” è insomma un fenomeno largamente diffuso, evidentemente innocuo, e sempre più “normale”. Persino Gianfranco Fini, a “Porta a porta”, ha confessato una sera di aver fumato uno spinello, da ragazzo, in Giamaica: il che rende un poco comica l’ostinazione di chi continua a chiamare “drogati” i consumatori d’erba.

Se così stanno le cose in Italia (come nel resto dell’Occidente), non si capisce perché in Parlamento non se ne possa e debba parlare con tranquillità, serenità e realismo. Quei sedici deputati (anonimi) risultati “positivi” al test delle Iene avrebbero dovuto uscire dall’anonimato, convocare al più presto una conferenza stampa, spiegare ai loro elettori che il loro comportamento è del tutto normale, e annunciare l’imminente presentazione in Parlamento di un disegno di legge bipartisan che depenalizzi il consumo e la coltivazione personale della cannabis.

E’ successo invece che mezzo Parlamento sia insorto, che i giornali abbiano simulato scandalo e sconcerto, e che il garante della privacy, in un Paese dove le telefonate private finiscono regolarmente in prima pagina, abbia ritenuto necessario vietare la messa in onda del servizio.

Intendiamoci: il comportamento delle Iene è senz’altro discutibile, e contiene una buona dose di imbroglio. Ma è evidente che non è questo il problema. Come si diceva una volta? Quando il dito mostra la luna, l’imbecille guarda il dito.

(editoriale numero 7)





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.