2014-09-02 03.14.54 pmL’errore è nel primo capitolo del primo libro della Bibbia: “Dio disse: Facciamo l’uomo a nostra immagine, secondo la nostra somiglianza: dòmini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutti gli animali selvatici e su tutti i rettili che strisciano sulla terra” (Genesi 1, 26).

I Greci non la pensavano così, e non la pensano così gli orientali. Soltanto il pensiero cristiano-occidentale, il pensiero che ha conquistato e che oggi domina il mondo – a dire il vero con qualche difficoltà –, stabilisce con arroganza che l’uomo è il signore e padrone degli altri animali e dell’intera natura.

Più banalmente, e finché non sbarcheranno gli alieni, la specie Homo sapiens sapiens è in cima alla catena alimentare: mangiamo tutto e nessuno ci mangia (sempreché, s’intende, non si vada a passeggio per la savana): e questo fatto, naturalmente, ci dà qualche vantaggio e qualche privilegio in più.

Oltre alla forza e alla sua estensione moderna, la tecnologia, abbiamo però anche un cervello, che di tanto in tanto si mette a funzionare. E il cervello – la ragione, l’anima, la mente, il cuore o come altrimenti ci piace chiamarlo – ci suggerisce che il mondo non è nostro, non ci appartiene. Non siamo affatto i padroni: siamo ospiti destinati prima o poi, come del resto il pianeta che ci accoglie, a dissolversi e a scomparire, tanto quanto lo sono le zanzare, il colera o i miei gatti.

Pensare e agire non da padroni, ma da ospiti, presenta molti vantaggi. Il primo è che possiamo smetterla, una volta per tutte, di preoccuparci del pianeta. Non è un paradosso. Il rovesciamento simmetrico (e concettualmente identico) dello sfruttamento indiscriminato dell’ambiente, delle piante e degli animali è pensare che il destino della Terra sia nelle nostre mani, e che il nostro compito sia salvarla. Non è affatto così: anche in questo dobbiamo smettere di essere cristiani e di considerarci il centro dell’universo.

La Terra sta qui da quattro o cinque miliardi di anni, e ne ha davanti a sé più o meno altrettanti. Cent’anni di automobili, o duecento di industrie, o duemila di disboscamenti non valgono più di un moscerino che si posa sull’Everest: difficilmente riuscirà a spianarlo. Rendersi conto delle proporzioni, e della propria insignificanza nello spazio e nel tempo, è il primo passo per costruire un rapporto corretto con la natura. Naturalmente ciò non significa che si debba inquinare, avvelenare, uccidere. Al contrario: la consapevolezza ci aiuta a comportarci meglio, perché affida interamente a noi la responsabilità di scegliere un certo comportamento anziché un altro. Non abbiamo nessun pianeta da salvare: abbiamo però una coscienza da rispettare – la nostra. E un beneficiario che non possiamo deludere – noi stessi.

Vivere bene con la natura significa vivere bene con me stesso, perché tra di noi non c’è alcuna differenza né separazione. Condividiamo gli stessi atomi e respiriamo la stessa aria. È per questo che proviamo piacere quando giochiamo con un cane o passeggiamo per un prato o guardiamo un paesaggio o accompagniamo una mosca alla finestra anziché schiacciarla con un giornale. Proviamo piacere perché siamo la stessa cosa, io e il cane e il prato e il tramonto e la mosca.

(editoriale numero 31)





One Comment

  1. L’errore è nel primo capitolo del primo libro della Bibbia: “Dio disse: Facciamo l’uomo a nostra immagine, secondo la nostra somiglianza: dòmini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutti gli animali selvatici e su tutti i rettili che strisciano sulla terra”. NO, NON SIAMO PADRONI DI NIENTE E NESSUNO.

Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.