2014-10-22 01.40.11 pmSe i giornali e la tv dicessero la verità, saremmo tutti morti da tempo. Le predizioni di Nostradamus (che pure continuano ad attrarre proseliti) sono poca cosa rispetto alle previsioni “scientifiche” che i giornali ci hanno propinato in questi anni. La penultima “fine del mondo” annunciata doveva compiersi a luglio, quando l’accensione del nuovo super-acceleratore di particelle, al Cern di Ginevra, avrebbe dovuto creare niente popò di meno che un piccolo buco nero, destinato ad inghiottirsi rapidamente l’intero pianeta. Così non è stato, per fortuna, e dunque eccoci all’ultima (per ora) apocalissi annunciata: l’influenza suina.

Nessuno ha idea di che cosa sia esattamente, o per meglio dire nessuno ne conosce la reale pericolosità: eppure è bastato che qualcuno preannunciasse milioni di morti, e subito i media hanno cominciato a diffondere un’autentica psicosi di massa. L’effetto è paradossale: l’annuncio (infondato) di un’ecatombe fa sì che chiunque lo contesti passi per reticente, per imbroglione o per irresponsabile. È come se un bel mattino mi alzassi e dicessi in tv, senza nessuna prova: “Sta per cadere un meteorite!”. Anziché passare per matto, diventerei il profeta della catastrofe che tutti vogliono occultare.

Le notizie sensazionali scacciano le notizie normali, e quelle pessime cancellano persino il ricordo di quelle buone. Abbiamo avuto la “mucca assassina”, con tanto di bando pubblico della costata alla fiorentina, cerimonie di addio e raccolte di firme per la sua reintroduzione; abbiamo avuto il “millenium bug”, che avrebbe dovuto mandare per aria tutti i computer del mondo, far crollare un numero imprecisato di aerei e infettare migliaia di sale operatorie; abbiamo avuto gli attacchi all’antrace e la minaccia di un kamikaze ad ogni angolo di strada – e non è successo niente.

Anche del famoso “buco dell’ozono”, che ci aveva convinti a rinunciare alle bombolette spray, non si sa più nulla: c’è chi dice che non ci sia mai veramente stato un “buco”, e c’è chi dice che si sia richiuso (il che non è affatto strano: il pianeta è un organismo vivente vecchio di quattro o cinque miliardi di anni, e noi ne conosciamo soltanto, e neppure troppo bene, gli ultimi diecimila). Il riscaldamento globale, con tutto il contorno psicoterroristico che lo contraddistingue, potrebbe essere una cosa seria, ma potrebbe anche non esserlo: soprattutto, potremmo non esserne noi i responsabili, proprio perché siamo da troppo poco tempo su questo pianeta e, forse, non siamo poi così importanti come vorremmo. Eppure chi dice queste ovvietà passa per servo delle multinazionali.

I media hanno bisogno di tragedie, e quando quelle vere vengono a mancare, scendono in campo quelle future. Non può essere un caso. Il clima apocalittico che respiriamo leggendo i giornali e guardando la tv, e che si traduce in una percezione del futuro come catastrofe (e non invece come promessa, o speranza, o sol dell’avvenire), è il segno più evidente di un immaginario collettivo impaurito e nevrotico, dove ciascuno di noi è fondamentalmente solo, privo di attese, massificato persino nella morte. Bisognerebbe cominciare con il riprendersi il futuro: che, come diceva quel tale, non è stato ancora scritto.

(editoriale numero 25)

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.