2014-11-05 01.47.31 pmPovera Italia, si diceva una volta quando qualcuno faceva qualcosa di stupido o ridicolo, augurandosi che il soggetto in questione non andasse a ricoprire qualche incarico importante.

Uno dei problemi della povera Italia di oggi è che questo qualcuno sembra essere andato al governo, e di cose insensate ne sta facendo parecchie.

Ormai l’Italia è vista come un Paese in cui si tarda volutamente ad applicare norme Europee che di fatto contribuirebbero a modernizzare la società, che altrettanto volutamente viene bloccata e pilotata verso una realtà alterata.

Il mondo sta pensando in modo alternativo, sta cambiando per davvero, o per lo meno ci sta provando, mentre la Povera Italia continua con la sua repressione e la controtendenza, fino a delineare un ipotetico regime, che tende ad escludere tutto ciò che è fuori dai canoni.

La politica si è persa in un turbine di strapotere, accecante, e di spese folli, inutili e sinceramente ingiustificabili. Siamo pred di un giornalismo che tende a distorcere e confondere, a depistare l’utenza dalla realtà; salvo qualche deciso e temerario outsider che ci tiene a fare bene informazione, anche a rischio di infrangere la nuova legge sulle intercettazioni.

La Povera Italia che se ne sta andando in vacanza, in barba alla crisi…

A questa Nostra Italia abbiamo dedicato questo numero, con la speranza che un domani possa cambiare davvero qualcosa, anche qui.

(editoriale numero 23)





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.