2015-08-24 11.49.39 am

Fratelli, alla fine hanno approvato la legge sull’indulto e non si può certo dire sia passata in sordina. Gli sciacalli sono già in attesa dei primi ri-arresti per poter sputare veleno su un provvedimento sacrosanto che aveva chiesto persino il Papa, ma tant’è!
Un ministro dello stesso governo che ha varato la legge grazie a cui qualche migliaio di disperati ha potuto lasciare anzitempo le patrie galere, ha manifestato in piazza come un moderno Pilato, per garantire ai propri elettori che non ha mai dismesso la toga di P.M. sulla quale ha costruito la propria sgrammaticata carriera. Pochi si son preoccupati di chiedersi cosa faranno coloro che dopo essere stati in galera si ritrovano per la strada, magari senza niente e nessuno.

È proprio quando si esce che ci si rende conto di ciò che ti hanno fatto gli anni trascorsi dietro le sbarre, in un universo che non ha punti di contatto con il mondo “di fuori”. Molti subiscono un processo di istituzionalizzazione dettato da quelle regole che si è stati obbligati a seguire per anni, ma che una volta all’esterno sono fuori luogo. Parecchi ricommettono reati stupidi che li riporteranno presto in carcere, perché è l’unica cosa che riescono ad immaginare. Ricevo in una lettera:”il sistema impone il carcere a chi reputa bisognoso di giusta e doverosa eliminazione sociale, non rieducazione, reinserimento o anche solo mezza possibilità e non tanto per la mancanza di strutture atte all’uomo… quanto per carenza cronica di disposizione mentale all’accollarsi l’onere ed il fastidio di provarci! Ergo: mascherandosi dietro ad una facciata legale, fanno in modo che da un errore sociale od eventualmente, da una serie di errori, si inneschi una perdita umana destinata a perpetuarsi indefinitamente nella quasi totalità dei casi.” Non mi stancherò mai di ripetere che le radici del problema sono sociali e che senza un inversione di tendenza radicale che ci porti a considerare i reati una forma di ribellione, dalla quale ci si esime soltanto quando ci si rende conto che è ingiusta. Questo avviene soltanto quando si crede nel consorzio civile in cui si vive perché la società è in grado di rispondere alle nostre aspettative. Certo, non è facile buttarsi alle spalle sistemi nei quali siamo incancreniti da anni, forse perché comodi, ma potrebbe fare la differenza.

Fratelli, con la forza non si è mai ottenuto nulla di veramente duraturo! La storia ci insegna che è con la convinzione e non con la persuasione coatta che si educano i popoli. Togliere dalla circolazione chi non rispetta le regole e tenerlo in condizioni indegne non ne farà certo un cittadino migliore domani, per questo molti ricadranno nella trappola. Tuttavia la felicità di chi ha provato la prigionia, di fronte ad un provvedimento che quantomeno darà a molti la possibilità di rigiuocarsela, supera la vena polemica che spesso guida la mia penna. Se ne incontrate qualcuno trattatelo con delicatezza, perché probabilmente non ricorda più nemmeno che possa succedergli.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.