AntiproibizionismoIn evidenza

Depenalizzazione di tutte le droghe: l’Oregon un anno dopo

Gli arresti calano del 60% e 16mila persone hanno avuto accesso ai servizi finanziari

Siringhe e pastiglie stupefacenti accanto ad un paio di manette e ad un martelletto da giudice

È passato un anno da quando in Oregon è stata introdotta la Measure 110, che l’ha reso il primo paese degli Usa a depenalizzare l’uso di tutti gli stupefacenti e implementare politiche di riduzione del danno finanziate dallo Stato.

Insomma: nel paese in cui è stata creata a tavolino la Guerra alla droga portata avanti a livello internazionale negli ultimi 50 anni, c’è uno stato che ha detto basta, e che ha iniziato a considerate l’uso di stupefacenti dal punto di vista sociale e sanitario invece che come un crimine da estirpare e reprimere.

Depenalizzazione in Oregon: i dati fino ad oggi

E i risultati, riportati dalla Drug Policy Alliance, associazione in prima linea per tutto il progetto, parlano chiaro. “Mentre la robusta infrastruttura di supporto sta ancora decollando, i primi risultati mostrano che oltre 16mila persone hanno già potuto accedere ai servizi.

Inoltre, c’è stata una diminuzione di quasi il 60% nella quantità di persone che sono state arrestate per qualsiasi reato di droga (circa 3.700 arresti per reati di droga nei primi 10 mesi dopo l’entrata in vigore della depenalizzazione rispetto a oltre 9.100 arresti nello stesso periodo di 10 mesi del 2020 – ripartizioni specifiche del possesso rispetto ad altri reati di droga non sono attualmente disponibili)”, scrivono.

Ed è solo il primo passo, perché i dati riportati si basano solo sul 10% dei fondi stanziati, che ad oggi sono stati effettivamente distribuiti.

“Per troppo tempo, politiche di droga crudeli e razziali hanno negato alle nostre comunità il sostegno di cui hanno bisogno, le hanno derubate della loro libertà e hanno marchiato le persone con fedine penali che le hanno private di qualsiasi opportunità futura. L’Oregon ci sta mostrando che c’è un altro modo, ed è ora che altri stati lo seguano”, ha sottolineato Kassandra Frederique, direttore esecutivo della Drug Policy Alliance.

In un anno sono stati raccolti 302 milioni di dollari in finanziamenti per la riduzione del danno, il trattamento, l’alloggio e i servizi di recupero nei prossimi due anni, e saranno assegnati alle organizzazioni locali di tutto lo stato nei prossimi mesi. Di questi, 31,4 milioni di dollari erano stati consegnati precedentemente dal governo.

Secondo la prima tornata di dati dell’Autorità sanitaria dell’Oregon (basata sui rapporti di sovvenzione delle sovvenzioni Access to Care che sono uscite la scorsa primavera e l’estate – che rappresentano i 31,4 milioni di dollari iniziali precedentemente menzionati – a 67 organizzazioni e 11 tribù e organizzazioni tribali), il finanziamento è stato usato per:

– Fornire finanziamenti a 67 organizzazioni di riduzione del danno, trattamento, alloggio, supporto tra pari e recupero in 29 contee.

– Fornire finanziamenti a 11 tribù e organizzazioni tribali attraverso il set aside tribale.

– Fornire servizi a 16.000 persone, il 60% delle quali si è impegnato con servizi di riduzione del danno.

– Assumere 115 persone per fornire una varietà di servizi di salute, riduzione del danno, trattamento, alloggio e recupero.

– Acquistare 12 veicoli per fornire servizi sanitari mobili e di riduzione del danno.

– Acquistare tre unità abitative – un motel, un duplex e una casa di recupero specifica per genere e cultura, più 10 casette.

– Assicurare quattro contratti d’affitto per nuove strutture.

– Acquistare 154.535 forniture per la riduzione del danno.

– Pagare quattro linee telefoniche di supporto tra pari e di crisi 24 ore su 24.

In Usa il sostegno alla depenalizzazione delle droghe è ai massimi storici, con un recente sondaggio dell’associazione che ha scoperto che il 66% degli americani ora sostiene l’eliminazione delle sanzioni penali per il possesso di droga e la loro sostituzione con un nuovo approccio incentrato sulla salute pubblica.

Un approccio che in Europa è stato adottato dal Portogallo, il cui esempio non è però stato imitato nonostante gli ottimi risultati raggiunti.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button