img3

Favorevole Cécile Duflot, ministro delle Politiche abitative: “La cannabis va trattata come alcool e tabacco”. Contrario però il neo presidente Hollande che in campagna elettorale non ha mai trattato l’argomento nello specifico. Il centrodestra polemizza: “Posizione irresponsabile”.

E’ la prima incrinatura all’interno del nuovo governo francese. Che scivola su una buccia di banana, la depenalizzazione delle droghe leggere. Ieri Cécile Duflot, ministro delle Politiche abitative (e anche segretario generale dei Verdi e una delle rare componenti dell’esecutivo che non proviene dal Partito socialista) ha detto che «la cannabis dovrebbe essere considerata come l’alcool e il tabacco: stesso regime».

In sostanza si è detta favorevole alla depenalizzazione, andando contro la posizione del presidente, François Hollande, e di molti colleghi ministri. «L’obiettivo – ha aggiunto – sarebbe duplice: da una parte far diminuire il traffico di stupefacenti e la violenza che genera, dall’altra poter impostare una politica di salute pubblica di prevenzione, soprattutto fra i giovani». La Duflot, 36 anni, aveva già fatto parlare di sé al primo Consiglio dei ministri, presentandosi in jeans, ma stavolta, diciamo, si è distinta dal resto del gruppo su temi più sostanziali.

«Non mi sono trasformata in un’altra persona, perché sono diventata ministro – ha precisato -. Questa è la posizione del mio movimento da molto tempo, anche se, ne sono cosciente, non è quella del governo». E riguardo ai Verdi francesi, ha voluto spiegare che «la nostra, in realtà, è una posizione pragmatica, responsabile. D’altra parte, dobbiamo ammettere una volta per tutte che in Francia i giovani ricorrono alla cannabis più che nei Paesi Bassi, proprio perché non si può portare avanti una politica di prevenzione». Parigi è a livello europeo la più dura nella repressione del consumo di droghe leggere, l’opposto contrario della legislazione olandese nel settore.

Per anni la possibilità di una depenalizzazione ha rappresentato in Francia un tabù, anche nella sinistra. Sì, tutti d’accordo con il pugno di ferro. Ma, a dire il vero, negli ultimi anni, al di là dei Verdi, qualche voce contraria ha cominciato a levarsi. Nel giugno 2011 un gruppo di lavoro di deputati socialisti all’Assemblea nazionale, capeggiato da Daniel Vaillant, da anni favorevole a un cambiamento radicale nella politica relativa alle droghe, aveva proposto «la legalizzazione regolamentata della cannabis» e addirittura una «filiera nazionale di produzione». Ma già allora, anche all’interno dello schieramento socialista, quelle proposte avevano scatenato diverse polemiche.

Contro Vaillant e compagni si era scagliato in particolare Manuel Valls, oggi diventato ministro degli Interni: si era detto assolutamente contrario alla depenalizzazione «in nome dei valori propri della sinistra». Poi, durante la campagna delle ultime presidenziali, uno dei consiglieri di Hollande per la sicurezza, François Rebsamen, aveva proposto di punire il consumo delle droghe leggere solo con una contravvenzione. Ma il candidato socialista, già prima di essere eletto, si era detto contrario: «Non voglio dare il minimo segnale – aveva sottolineato – di rinunciare alla dissuasione riguardo al consumo della cannabis».

Dopo le dichiarazioni della Duflot, il premier socialista Jean-Marc Ayrault, imbarazzato, ha detto che «il governo non ha detto nulla in proposito». Della vicenda, invece, sta cercando di approfittare l’opposizione. E l’Ump, il partito di centro-destra, è in gravi difficoltà nell’era post-Sarkozy. Jean-François Copé, segretario della formazione, ha dato della «irresponsabile» alla ministra verde, seguito dalle critiche e dagli allarmi di diversi colleghi di partito.

Pochi giorni fa sono stati resi noti gli ultimi dati a livello europeo dell’Espad (European school survey project on alcohol and other drugs) sul consumo di alcool, tabacco e cannabis tra i giovani di 16 anni. Ebbene, la Francia è balzata al primo posto proprio per la cannabis e, soprattutto, ha registrato la crescita più rapida dal 2007 al 2011. La percentuale di chi ha ammesso di aver fatto uso almeno una volta nella propria vita di cannabis è passato dal 31% al 39% del totale e la quota di chi ha riconosciuto di ricorrervi almeno una volta al mese è salita dal 15% al 24% (in Italia siamo al 12%). Un’inchiesta Ifop (Istituto francese di opinione pubblica) di un anno fa, invece, aveva fatto emergere che il 63% dei francesi è contrario alla depenalizzazione. Ma sotto i 35 anni la maggioranza (51%) è ormai favorevole.

fonte: giornalettismo.com





One Comment

Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.