0624-topher-gear-e1440765618371

Il suono della foresta del Borneo è una travolgente armonia musicale generata dai suoi abitanti, così intensa da coprire purtroppo il rumore delle motoseghe di chi abbatte alberi illegalmente.

Il progetto Rainforest Connection, ideato da un giovane ingegnere di nome Topher White, utilizza cellulari in disuso per monitorare i rumori sospetti e di intervenire tempestivamente quando si verificano disboscamenti abusivi.

Spiega White «Secondo l’Interpol, circa il 90% del disboscamento della foresta pluviale è illegale. Quindi se si riesce ad aiutare le persone del luogo ad applicare le leggi vigenti potremmo incidere in maniera significativa su quei numeri e avere un grande impatto nel breve periodo».

Il sistema Topher si serve della rete (nella foresta pluviale il segnale è presente!) e di vecchi cellulari ben nascosti tra le fronde degli alberi, programmati per registrare i suoni specifici di motoseghe e altri attrezzi disboscanti e per inviare messaggi di allarme alle guardie forestali o agli abitanti del luogo.

Per rendere efficiente la tecnologia, Topher e il suo team hanno realizzato degli involucri appositi per proteggere i cellulari dagli agenti esterni e dei particolari pannelli solari per l’alimentazione delle batterie.

«Non appena sono sceso dall’albero dove abbiamo installato il primo dispositivo ho ricevuto immediatamente una mail: aveva già captato il primo suono di motosega. Abbiamo fermato i disboscatori in azione. Una grande emozione»

In breve tempo il Rainforest Connection ha riscosso un enorme successo e ricevuto molte richieste in tutto il mondo, la gente ha iniziato ad inviare i propri telefoni in disuso dando vita ad un sistema di riciclo virtuoso utile alla salvaguardia delle foreste.





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.