Una corte federale del Canada doveva decidere se approvare un oleodotto, un’estensione verso il mare della esistente Trans Mountain Pipeline, oppure salvare le orche che vivono in quel tratto di mare. La buona notizia è che per una volta hanno fatto la cosa giusta: hanno salvato le orche e bocciato l’oleodotto.

Nella sua decisione, la Corte ha aggiunto che la ditta proprietaria dell’oleodotto, la Kinder Morgan con sede in Texas, non ha tenuto conto non solo dell’impatto sulla fauna marina ma anche del parere delle tribù indigene del Canada attraverso le cui terre sarebbero dovute passare parte delle infrastrutture.

La sentenza arriva dopo almeno due anni di lotte in tribunale, con gli indigeni, gli ambientalisti e la città di Vancouver uniti nella causa contro la ditta texana che ha annunciato che abbandonerà il progetto.
La preoccupazione collettiva riguardava l’inquinamento delle acque e la sopravvivenza delle orche nel Salish Sea. Che ne sarebbe stato in caso di fuoriuscita di petrolio? Quali le conseguenze dell’aumento del traffico marino? Il numero di petroliere in transito, infatti, sarebbe passato da 60 a 400 unità aumentando di sette volte il rischio di impatto con i mammiferi.

L’oleodotto della discordia avrebbe dovuto portare il petrolio delle Tar Sands del Canada, dalla città di Edmonton, Alberta, fino a Burnaby, British Columbia, sull’oceano pacifico. Avrebbe avuto una lunghezza di circa 1000 chilometri, estendendosi in parallelo a una linea già esistente, e avrebbe dovuto triplicare il flusso di petrolio rispetto a quello odierno. Si trattava di un progetto da 3.5 miliardi di dollari.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.