img9

La rivoluzione ecosostenibile dell’edilizia parte anche da Bergamo. È infatti in uno stabilimento riconvertito di Castelli Calepio (produceva blocchi in cemento) che Equilibrium, impresa lecchese emergente nel settore della bioedilizia, ha appena iniziato a produrre, per prima in Italia, il biomattone. «È l’evoluzione più innovativa ed efficace di un biocomposito che unisce alla calce la fibra di canapa e che permette di realizzare edifici ad alta efficienza energetica, biocompatibili e ad emissioni zero – spiega Paolo Ronchetti, general manager e fondatore di Equilibrium (azienda nata a gennaio 2011), nonché ricercatore e sviluppatore del prodotto. Qui è una novità assoluta, ma in Francia esiste da 20 anni.

Il ritardo deriva dalle leggi italiane che hanno proibito la coltivazione della canapa, senza fare distinzioni tra quella destinata ad uso stupefacente e quella ad uso industriale. Questo ha fermato anche la ricerca. Da poco tempo la coltivazione è stata autorizzata, pur in modo limitato, e oggi noi compriamo quasi tutta la nostra canapa in Piemonte, importandone dall’estero solo una minima quantità. Alla disponibilità di canapa si aggiunga una maggior sensibilità rispetto ai problemi energetici e ambientali ed ecco spiegato il successo del biomattone. «I vantaggi garantiti sono l’isolamento termo-acustico, la salubrità degli ambienti, la permeabilità al vapore, il comfort abitativo, il ridottissimo impatto ambientale, ma soprattutto la capacità di contrastare i cambiamenti climatici sequestrando Co2 dall’atmosfera. Questo perché la canapa è la pianta che produce più biomassa al mondo, crescendo in soli quattro mesi fino a quattro metri di altezza e assorbendo biossido di carbonio durante il suo ciclo vitale».

E poi ci sono i notevoli vantaggi economici: «Utilizziamo il composto di calce e canapa, miscelate in percentuali diverse, per produrre materiali edili utilizzabili per pavimentazioni, isolamenti, muri, cappotti, tetti. Si può costruire un intero edificio usando unicamente legno (per le strutture portanti), calce e canapa. Costruire così piuttosto che con i materiali tradizionali, porta a un abbattimento dei costi proporzionale alla classe energetica desiderata. Si va da -10% per la classe B fino a -20% per la classe passiva». Il costo è superiore a quello del tradizionale mattone in laterizio, ma poiché le sue proprietà eliminano la necessità di utilizzare tanti altri materiali isolanti termici ed acustici, le spese di costruzione vengono considerevolmente abbattute. La durata è praticamente illimitata e, quando l’edificio viene demolito, il biomattone può facilmente essere riutilizzato, frantumato e reimpastato, oppure smaltito in natura senza danni all’ambiente.

Daniela Baiguini
fonte: bergamo.corriere.it

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.