Parte dei pacchi di cannabis rinvenuti a Porto Recanati

L’ultimo ritrovamento è avvenuto questa mattina: 25 chilogrammi di erba rinvenuti sulla spiaggia Porto San Giorgio, in un unico pacco, bagnato ma ancora integro, abbandonato sulla riva. Ma negli ultimi giorni i casi si sono ripetuti e data la frequenza dei ritrovamenti non è da escludere che possano continuare nei prossimi giorni.

Il primo carico di marijuana “spiaggiata” sulle coste marchigiane è stato rinvenuto lo scorso 28 giugno. Ventotto pacchi pieni di erba, per un peso complessivo di 7 quintali, ritrovati dai carabinieri sulla spiaggia di Scossicci a Porto Recanati (provincia di Macerata), abbandonati dentro ad un gommone d’altura arenato carico anche di taniche di benzine, probabilmente necessarie per il viaggio di ritorno.

La spiegazione più plausibile è che chi trasportava la cannabis, probabilmente di provenienza albanese, si sia ritrovato in difficoltà a causa del mare mosso e sia scappato in fretta, abbandonando il natante con tutto il carico, nel timore di essere intercettato dalle forze dell’ordine.

Un altro caso analogo si è poi verificato appena due giorni fa quando, sempre a Porto Recanati, quando la Guardia Costiera ha ritrovato in acqua, vicino alla costa, altri due colli contenenti in totale circa 90 chili di cannabis.

È probabile che i due carichi rinvenuti a Porto Recanati fossero trasportati dalla stessa imbarcazione mentre, data anche la distanza di una trentina di chilometri, il ritrovamento di oggi a Porto San Giorgio è presumibilmente frutto di un altro trasporto non andato a buon fine. Ad ogni modo, le forze dell’ordine, hanno annunciato controlli intensificati alla ricerca di eventuali nuovi carichi di erba spiaggiata. Sempre che qualcuno non li trovi prima di loro…





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.