HipHop skillz

Creep – Creep è morto (recensione)

Creep - Creep è morto (recensione)Da quasi due mesi è uscito il secondo disco per Creep, rapper 24enne proveniente da Prato. “Nuova strada” lo vide cimentarsi per la prima volta in una fatica omogenea, esordendo su beats di Don Joe, Shocca e Ceasar, tra gli altri. “Creep è morto”, questo il titolo del nuovo album, sembra essere l’ovvio update alle premesse del precedente: liriche da parental advisory, botte di vocoder su synth e beat pomposi per un genuino gangsta rap all’italiana. Questa volta alle spalle ci sono un’etichetta indipendente, TRB, che gli ha anche garantito la completa produzione musicale di J Silver, e un ottimo ufficio stampa. Il ragazzo, insomma, sa il fatto suo.

Approcciarsi a questo tipo di lavoro è sempre difficile. Non perché sia presupposta una certa complessità di fondo, sia chiaro. Il concept è lineare, piuttosto semplice. Autoreferenzialità e cliché, beat suonati sull’elettronica andante, liste della spesa, viaggioni alla Gta e rapporti interpersonali che non vanno al di là del materialismo più spicciolo. Insomma: non si può approcciarlo se non per un’oretta di easy listening, una fruizione mordi e fuggi. Al terzo, quarto ascolto continuato, più nessuna sfumatura, alcuna emozione nuova, solo l’apprezzamento di cronistorie fini a se stesse. E, tra l’altro, il già sentito è qua dietro l’angolo.

Bassi Maestro ce l’ha detto qualche giorno fa: il rap è nato nei block party e l’aspetto festaiolo è tra i fondanti, altro che storcere il naso a prescindere. L’hip hop che veicola forzatamente messaggi con poca cognizione della causa, spesso è meno apprezzabile di quello volutamente e fieramente disimpegnato. In “Creep è morto”, però,  davvero ci sforziamo di carpire cosa possa rimanere dopo la completa assimilazione dei quattordici brani del disco: magari lo sfogo di un giovane che gongola nel rendere pubblici il suo conto in banca e la sua vita costantemente ai limiti (a meno che non ci prenda tutti in giro), magari poco altro.

Creep è un buon rapper, ad ogni modo. Ha personalità, voce e discrete delivery che ben si adagiano a J Silver, che gli musica l’ideale tappeto sonoro, di buona fattura. Stilisticamente è un lavoro che gira, eccome. Ci chiediamo solo se, alla luce di tutto, ne valga realmente la pena. Del resto, come lo stesso consiglia nel booklet, “la vita è troppo breve per pensare… agisci e non riflettere”. Forse avrei dovuto approcciarmi così…

————————————————————————————————————————————————

Nicola Pirozzi

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button