Birra corner

Cosa c’è di più inglese di un bitter?

Cosa c’è di più inglese di un bitter?Se mai siete stati a Londra e siete entrati in un pub chiedendo una birra senza specificare quale è molto probabile che vi siate ritrovati un bitter nel bicchiere. È lo stile che secondo me esprime tutta l’inglesità della birra, divenuto famoso a inizio ‘900 quando la rivoluzione industriale portò all’acciaio, e quindi a metodi di tostatura più gentili delle fiamme dirette (prima i malti erano tutti caramellati!).
Il bitter è uno degli stili più difficili da realizzare, perché gioca sul filo di equilibri molto sottili: il malto deve essere presente, ambrato, con sentori di tostato; la luppolatura inglese deve amarificare ma non dare sensazioni di frutta; il lievito presenta esteri di mela verde, il profilo aromatico tipico dello stile. Gli inglesi la considerano più una bevanda, tant’è vero che mi è capitato che mi chiedessero se volessi una birra o un bitter.

Ne è un perfetto esempio la Hang Up di Altotevere, Best Bitter in pieno stile da 4.3 gradi. Al naso si percepisce una nota leggera di mela, ma soprattutto una discreta dolcezza dei malti, confermata poi in bocca. La tostatura diluisce la dolcezza, e l’amaro nobile di Fuggle, Bramling X e altri luppoli inglesi non sfocia mai in aromi estremi, ma ritorna a un profumo di erba e terra. È una birra da bere a litri, dato il grado alcolico basso. Cosa che, giuro, ho fatto.

a cura di Michele Privitera
Titolare de “Il Pretesto Beershop” di Bologna





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Cerca anche
Close
Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.