AnimalsLifestyle

Continua la raccolta firme per il referendum per abolire la caccia: c’è tempo fino al 20 ottobre

La raccolta firme per lanciare il referendum per abolire la caccia ha superato le 382.000 adesioni, avvicinandosi sempre più all’obiettivo delle 500.000 firme necessarie per raggiungere il quorum e proseguire nell’iter referendario. Il tempo a disposizione per firmare si concluderà il venti ottobre, ma per aderire non sarà obbligatorio recarsi ai banchetti nella propria città ma basterà anche una firma online alla pagina https://www.referendumsiaboliamolacaccia.it/. Il referendum, lanciato dal comitato Si Aboliamo la Caccia, mira all’abrogazione parziale della legge 157 del 1992, “Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio”, che pone l’attuale disciplina per la protezione degli animali selvatici, introducendo alcune deroghe per permettere la caccia.

Se la raccolta firme dovesse raggiungere l’obiettivo per il quorum, i cittadini sarebbero chiamati a esprimersi sull’abrogazione di diversi articoli della legge, come per esempio l’articolo uno comma secondo, che consente l’attività venatoria, o diversi commi dell’articolo quattro o cinque che consentono l’utilizzo dei richiami vivi, e ancora l’articolo otto che riguarda il comitato tecnico faunistico. Obiettivo dei Si Aboliamo la Caccia è inoltre l’introduzione di un articolo ventuno, che seguirebbe gli articoli dal 12 a 19, modificati per spiegare con esattezza in cosa consista la caccia, e disporrebbe “È vietata a chiunque l’attività venatoria”, articolo che sancirebbe definitivamente la messa al bando della caccia in Italia. “Il nostro testo è stato accuratamente studiato per ottenere concretamente l’obiettivo di cancellare la pratica cruenta e violenta della caccia” hanno affermato i rappresentati del comitato, “Se si raggiungesse il quorum, la legge 157 tornerebbe alla sua vera natura cioè quello della tutela della fauna selvatica e vieterebbe la caccia in ogni dove ed in maniera totale costringendo le amministrazioni a trovare soluzioni “ecologiche” cioè naturali e senza uccisioni nella gestione degli animali selvatici”.

L’iniziativa dei Si Aboliamo la Caccia nasce da ragioni non solo di natura etica ma anche ambientali. Secondo gli attivisti del gruppo l’attività venatoria aumenterebbe l’inquinamento da piombo a causa dei centinaia di migliaia di bossoli lasciati incustoditi sul terreno ogni anno, e sarebbe inoltre una minaccia per la biodiversità locale, rappresentando una minaccia per alcune specie animali e per gli ecosistemi più vulnerabili.

Sebbene manchino ancora 118.000 firme, il Comitato sembra fiducioso di poter raggiungere le 500.000 firme, puntando anzi alle 700.000 per avere maggiore sicurezza sulle firme eventualmente rese nulle. “La caccia è discussa da anni” hanno affermato i promotori, “Sono stati tanti i tentativi di presentare in Parlamento alcune modifiche ai troppi privilegi riservati solo ai cacciatori, evidenziando, nel tempo, sempre una maggiore presa di coscienza tra la popolazione e soprattutto tra i giovani, del rifiuto della caccia e della violenza nei confronti degli animali”.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.