Piante da fiore
Molte piante in vaso e da aiuola normalmente hanno avuto una fioritura in agosto e probabilmente stanno lentamente riprendendo a fiorire. Per le petunie, per esempio, può essere utile incoraggiarle a crescere di nuovo e pertanto formare nuovi boccioli potandole. Ma è ancora più importante dare loro sostanze nutritive a sufficienza perché fioriscano e crescano lussureggianti in seguito. Dopotutto, questo è un periodo importante: durante le vacanze le piante non hanno ricevuto concime liquido. E anche i fertilizzanti a lungo termine ormai sono esauriti, anche se – teoricamente – dovrebbero durare fino a settembre e ottobre. Perché? Il clima caldo e umido rilascia più velocemente del previsto il concime, che viene poi usato dalle piante. Potete riconoscere la mancanza di sostanze nutritive dall’assenza di fiori e dalla presenza di foglie atipiche di colore chiaro, accompagnate da un ingiallire delle foglie più basse anche nelle piante non ancora secche. Il normale concime liquido può essere una misura di primo soccorso e può essere combinato al concime solido. Una volta che i fiori estivi non sono abbastanza belli perché valga la pena conservarli, possono essere sostituiti da quelli di tarda estate/autunno: edera, Gaultheria procumbens, cespugli alti, crisantemi, erbe, genziane e così via che offrono un’ampia gamma di opzioni di design con cui circondare la casa.

329351_cvety_kirpich_ugol_petuniya_gorshok_2560x1600_(www.GdeFon.ru)

Frutti caduti
Potreste trovare frutti caduti sotto i meli. Ci sono diverse cose che potete farne. I frutti quasi maturi possono essere usati in cucina, se fate lo sforzo di rimuovere le parti danneggiate. I frutti che non possono essere usati devono essere rastrellati ed eliminati, idealmente nei rifiuti organici. Se eliminate questi frutti mettendoli nella compostiera, attireranno le vespe. Le mele bacate possono nascondere bruchi di farfalle di piccole dimensioni come le falene d’inverno, che trascorrono l’inverno nel terreno; in primavera, le femmine salgono verso i fiori del melo per infettare il frutto per l’anno successivo. Perché i bruchi e, più tardi, le pupe non trascorrano l’inverno nella compostiera, è meglio gettare la frutta caduta nella spazzatura organica. Come alternativa, potete scavare una buca profonda il doppio della lama della pala e seppellire la frutta. Dopo la raccolta, controllate i susini per accertarvi di aver rimosso tutti i frutti che presentano muffa. Contengono spore di funghi che potrebbero aggredire di nuovo la frutta l’anno successivo.

100_2707

Bulbi di fiori
Tuttavia, il migliore lavoro di giardinaggio in questo momento è certamente piantare i bulbi dei fiori. Dopotutto questi piccoli bulbi marroni sono la promessa dei fiori della prossima primavera. Quando comprate i bulbi, assicuratevi che siano relativamente grandi: fioriranno meglio. Le offerte più a buon mercato saranno per bulbi più piccoli. Se avete un problema di topi campagnoli, il che avviene spesso nella periferia dei paesi e nelle aree rurali, è meglio proteggere i bulbi in modo che non siano mangiati. Altrimenti state preparando solo un banchetto invernale per i topi. Una regola di massima per la profondità dei bulbi (misurata dalla punta, non dalla base): la profondità a cui viene piantato il bulbo deve essere il doppio della sua altezza. Se piantate i bulbi in vaso e non in terra, potete usare il metodo a sandwich e posizionare tipi diversi l’uno sopra l’altro a strati, per esempio narciso in basso, poi mini-tulipani, poi giacinti e poi di nuovo i bulbi invernali. Se coordinate i tempi di fioritura dei vari tipi di fiori (consultate le istruzioni), i singoli strati fioriscono immediatamente uno dopo l’altro come fuochi d’artificio. Inoltre, potete avere un periodo di fioritura più lungo con un solo tipo di bulbo e una sola specie piantando i bulbi in due-quattro serie a intervalli di dieci-quattordici giorni.

bulbi

 





Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.