Negli ultimi anni una nuova parola è entrata nel nostro vocabolario: FOMO. Si tratta di un acronimo che sta per Fear Of Missing Out, che tradotto significa “paura di perdersi qualcosa”. Una fobia scoppiata con la nostra acclarata simbiosi con i social network che ci insinuano il sospetto che dobbiamo restare connessi per non restare indietro, per rimanere continuamente in contatto con le attività che fanno le altre persone per non essere esclusi da un qualsiasi evento o contesto sociale. Una servitù volontaria alla nevrosi.

A portarci fin qui, scrive Mazzocco in “Cronofagia“, è stato il capitalismo e la sua propulsione al consumo e alla produttività. È stato lui a mangiarsi il nostro tempo libero, a cancellare l’ozio dalle nostre attività. L’ipercapitalismo, diversamente da noi, non guadagna nulla nel lasciarci il tempo per la noia e la contemplazione. Ma il valore del tempo, nel prossimo futuro, dovrà “essere messo al centro della politica, delle decisioni sul welfare, della pianificazione urbana e dell’organizzazione del lavoro” e questo saggio pubblicato da D editore, da leggere con la giusta lentezza, ci aiuta a capire perché.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.