LifestyleViaggi e avventure

Condividere il camper. Una scelta divertente che fa bene all’ambiente

Condividere il camper. Una scelta divertente che fa bene all'ambiente

In tempi di sharing economy, abbiamo imparato che condividere arricchisce. Non solo perché, come è ovvio, consente di abbattere i costi di ciò che da soli pagheremmo di più, ma anche perché ci “costringe” a una prossimità fisica, reale, che sfocia in uno scambio con l’altro, spesso positivo. Condividiamo ormai spazi di lavoro, case, mezzi di trasporto che diventano occasioni per socializzare e conoscere persone nuove.

Spostarsi da una città all’altra, dividendo i costi del tragitto, è diventata una modalità molto in voga, non solo tra i giovani ma tra tutti coloro attenti all’ambiente. Se la nostra impronta ecologica si rispecchia nei nostri stili di vita, allora viaggiare inquinando il meno possibile è un obiettivo che possiamo raggiungere attraverso l’aggregazione. Aumentando pure il divertimento.

È questo che hanno pensato i ragazzi di Cocovan quando solo lo scorso anno hanno fondato la start up che mette in contatto persone dirette in luoghi di ritrovo come festival o eventi e che vogliono raggiungerli in camper.

Le migliori idee, quelle che poi funzionano, partono da un’esigenza personale. È andata così anche per voi? 
100%. Tutto è nato dal viaggio disperato di tre amici senza un euro in tasca e negli occhi la voglia di scoprire di tutto. Eravamo nel nord della Spagna con zaino in spalla, sacco a pelo e pochi spicci, viaggiando tra paesini di pescatori e campagne mozzafiato. Dopo una settimana di notti insonni, caldo e difficoltà nel trovare un alloggio dove sistemarci, incontriamo una simpaticissima coppia di Trieste che ci ospita nel loro camper per una cena a base di pesce e racconti di viaggio. Durante la serata ci rendiamo conto che siamo diretti verso la stessa direzione, così prendiamo la decisione di proseguire insieme l’avventura condividendo il camper e dividendo le spese del viaggio. L’esperienza è stata unica. Una volta tornati ci siamo interrogati sul fatto che non esistesse alcun servizio che permettesse di vivere avventure on the road condividendo il camper. Così è nato Cocovan.

Comunità di surfisti e amanti musicali, sono questi i target che avevate in mente per il vostro servizio. Alla fine sono soprattutto loro a rivolgersi a Cocovan? Sì, ma non solo. Ad esempio ad ottobre porteremo viaggiatori appassionati di cinema all’Orvieto Cinema Fest, festival di corti su tematiche sociali che si terrà nella cittadina umbra. In generale puntiamo a rintracciare tutte quelle attività sportive, culturali ed artistiche che hanno una tematica o affinità sociale. Non vogliamo limitare il calendario a determinati eventi, ma lasciarci trasportare dalle possibilità degli eventi en plein air.
  

In cosa vi distinguente da un semplice impresa che affitta camper?
Direi in tutto a parte la disponibilità di camper e van di prima fascia. Offriamo un pacchetto completo: prevediamo partenze e ritorni da/verso le maggiori città italiane, la presenza di un coordinatore che si occupa di guidare il mezzo e seguire il gruppo per l’intera durata dell’evento, ingressi agevolati e servizi aggiuntivi durante l’attività dell’evento, il pernottamento presso aree riservate a due passi dalla location. Un modo facile e innovativo per conoscere nuove persone vivendo in relax eventi fantastici all’aria aperta.

Quali sono i punti forti di questo vostro progetto?
Il team: le persone sentono sulla pelle la passione di chi organizza i viaggi. La condivisione: vivere insieme un evento sin dal primo minuto in cui inizia il viaggio rende il gruppo incredibilmente affiatato. Gli eventi: puntiamo a scegliere solo eventi ad alto tasso di divertimento e impatto sociale.

Quali sono state finora le destinazioni più battute?
Le destinazioni dove fare surf restano quelle più richieste. La combo van-tavola è da decenni un duo imbattibile.

Cosa aspettarci da Cocovan nei prossimi anni? 
Nei prossimi anni vorremmo allargare gli orizzonti delle nostre mete battendo le strade di tutta Europa. Inoltre stiamo lavorando a una piattaforma dove poter prenotare camper direttamente dai noleggiatori e dare l’opportunità ai proprietari di camper e van di condividere i propri mezzi quando in viaggio. Stay tuned!

Condividere il camper. Una scelta divertente che fa bene all'ambiente
Il team di Cocovan




SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button