High times

Repubblica Ceca: condannato giornalista per aver pubblicato una rivista sulla cannabis

La Repubblica Ceca, che si muove tra sforzi di legalizzazione e proibizione, ha condannato un giornalista per una rivista che vuole educare e promuovere un uso consapevole della cannabis

Robert Veverka

Il giornalista Robert Veverka, direttore della rivista ceca sulla cannabis Legalizace, è stato dichiarato colpevole dal tribunale di Ostrava, Repubblica Ceca, per “istigazione all’abuso di sostanze che creano dipendenza” e “per diffusione della tossicodipendenza attraverso la sua rivista”.

Una mossa che colpisce duramente sia la libertà di espressione che l’informazione indipendente, e fa ripensare alle possibilità di legalizzazione del Paese che, appena un mese fa, ha presentato un piano per regolamentare la cannabis.

INFORMARE SULLA CANNABIS È REATO? GIORNALISTA IN REPUBBLICA CECA CONDANNATO

Fondata nel 2010, con articoli che spaziano dalla coltivazione agli usi della canapa, dalle proprietà mediche alle strategie per la riduzione del danno, Legalizace è stata la prima rivista in Repubblica Ceca a voler sensibilizzare l’opinione pubblica e promuovere un uso consapevole della cannabis.

Missione che gli fu negata già il 3 novembre 2021, quando il tribunale distrettuale di Bruntál giudicò il giornalista colpevole. A più di un anno dal primo processo, verso il quale aveva presentato ricorso, Veverka spiega che è stato condannato “a causa di una legge sbagliata, che noi chiamiamo ‘legge di gomma’, che vieta la promozione di sostanze illegali“.

Secondo il giornalista, “è stato un doppio processo: sia io che la mia società, responsabile della redazione della rivista, siamo stati citati in giudizio e anche un solo articolo sarebbe bastato per dichiararmi colpevole di aver promosso una droga non consentita”.

“L’attuale legge e il proibizionismo in Repubblica Ceca causano più problemi della cannabis stessa”, si sfoga Veverka, mentre a livello internazionale il dibattito verte su una semplice domanda: “Fare informazione sulla cannabis è diventato un crimine?“. Se così fosse, saremmo colpevoli anche noi.



grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio