CARCERI: SITUAZIONE TRAGICA NEI PENITENZIARI ITALIANI-FOTO ARCHIVIOUn venticinquenne di Roma è stato condannato ad un anno di carcere per la coltivazione di quattro piante di cannabis. I giudici hanno pronunciato la condanna nonostante il ragazzo abbia provato durante il dibattimento che la produzione di marijuana serviva per alleviare i dolori della madre gravemente malata.

A rendere ancor più grave la condanna il fatto che alla madre dell’imputato il medico avesse regolarmente prescritto l’utilizzo di cannabis, ma la paziente non riusciva comunque ad ottenerla attraverso i canali legali. Solo dopo aver cercato inutilmente di riuscire a trovare i derivati cannabinoidi in modo legale il figlio della donna ha deciso di autoprodurre in casa le piante.

A denunciare il caso è stato Patrizio Gonnella, presidente dell’associazione Antigone, che denunciando “l’ingiustizia e la disumanità dell’attuale legge sulle droghe”, ha chiesto immediati interventi di modifica. “In totale buona fede il giovane ha palesato in rete i suoi disagi nell’approvvigionamento del farmaco – ha riferito Gonnella – ed ha messo a coltivazione poche piantine per curar la madre, in tutta risposta è stato condannato perché ritenuto spacciatore di professione”.

“Nonostante sia stata prodotta copiosa documentazione in ordine alle circostanze sopra descritte, a partire dalla prescrizione medica dei derivati cannabinoidi e dall’avvio della procedura di importazione, è giunta la condanna. Così all’ingiustizia di una donna che non può curarsi si aggiunge quella del figlio condannato“.

A rendere ancor più paradossale la condanna il fatto che, secondo quanto riferito da Gonnella, “nelle motivazioni della sentenza, seppur succintamente, si ammette che vi siano nobili motivi nella detenzione di marijuana autoprodotta per provvedere a procurare la sostanza stupefacente necessaria alla madre”.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.