ARISAEMA DRACONTIUM
– incerto, sconosciuto

L’Arisaema dracontium (Dragon Root) è un’erba perenne della famiglia delle Araceae originaria del Nord America, dove la si trova dal Quebec al Texas e Florida su terreni umidi. La pianta ha un’altezza variabile da 20 a 50 cm e a fioritura raggiunge il metro: il fiore si sviluppa dal rizoma. A questa famiglia appartengono moltissimi generi, tra i più diffusi nei nostri appartamenti e giardini, che ci donano un tocco di tropicale; vale la pena ricordare tra gli altri, le Calle, i Pothos, le Dieffenbachia, le Colocasia.

Come tutte le Araceae, l’Arisaema dracontium produce curiose e spettacolari infiorescenze, formate da una spata (una brattea petaloidea, ossia una foglia “trasformata” al fine di rendere più appariscente, grazie a forme e colori, l’insieme, con funzione vessillare, per attrarre gli impollinatori) e da uno spadice (la vera e propria infiorescenza tipica di tutte le araceae, caratterizzata da un “asse” spesso e ingrossato, talvolta cavo, che porta i fiori, prevalentemente unisessuati, secondo le specie, e sessili, cioè privi di peduncolo) contenente i fiori maschili o femminili. Ricorda vagamente le piante carnivore, e a un primo approccio lo si può credere, perché nella sua infiorescenza imbutiforme si introducono mosche e altri insetti che vi “cadono” letteralmente dentro, imbrattandosi di polline o portando sui fiori femminili, alternativamente presenti nella maggioranza delle specie, il polline accollato ai loro corpi villosi in precedenti visite ad altri Arisaema.
Alcune informazioni (soprattutto i siti web nord americani) la collocherebbero tra le piante potenzialmente psicoattive, ma la ricerca scientifica è molto deficitaria in merito.

ASTRAGALUS
– tossico, anche mortale
– incerto, sconosciuto

Genere di circa 3mila specie di erbe e piccoli arbusti leguminosi, della famiglia delle Fabaceae, originarie delle regioni temperate dell’emisfero settentrionale. Nella parte occidentale degli Stati Uniti alcune specie sono popolarmente chiamate locoweed (“seme pazzo”), anche se il termine generico indica anche molte altre piante psicoattive o potenzialmente tali.
Alcune specie di Astragalus (ad esempio l’A. membanaceus) hanno una lunga storia nella farmacopea popolare, soprattutto nella medicina tradizionale cinese.
Tra i componenti chimici contenuti nelle varie specie vale la pena ricordare il cicloastragenolo, sperimentalmente studiato per contrastare il virus HIV e altre infezioni croniche.
Il limite al momento di queste ricerche sembra derivare dalla potenziale tossicità della pianta, tossicità determinata dalla presenza della neurotossina swainsonina che potrebbe anche esercitare un’azione psicoattiva.

a cura di Gilberto Camilla
Etnopsicologo, Presidente della SISSC
(Società Italiana per lo Studio degli Stati di Coscienza)





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.