HipHop skillz

Common – The Dreamer/The Believer (recensione)

Common - The Dreamer/The Believer (recensione)Mi sono innamorato di Common tardi: era appena uscito Be. Un disco che ho ascoltato tantissimo, che vedeva nella fusione tra il rapper e il compianto J Dilla un alchimia straordinariamente perfetta.

Prima non lo sopportavo, lo trovavo noioso e per nulla affascinante. Dopo aver assolto a questo mio peccato con 10  Ave Maria, non me ne perdo un uscita, possa essere un esperimento un po’ diverso, come “Universal Mind Control”, o un disco come questo, autentico al 100%.

Common ha ridefinito l’idea di hip hop a grandi livelli, spiegando al mondo che attraverso il rap si può parlare veramente di tutto in un periodo in cui il livello delle liriche si era livellato verso il basso; tutto questo raggiungendo una fama importante, spaziando tra la musica e il cinema e pubblicando anche un libro di memorie, finendo di fatti con l’essere genericamente classificato su Wikipedia come “Entertainer”, cosa che mi ha fatto un po’ sorridere.

La sua ultima fatica è “The Dreamer/The Believer”, un titolo che già racconta molto e che viene anticipato dalla collaborazione con Nas in “Ghetto Dreams” il pezzo più potente del disco. Un ritorno alle origini, visto che è interamente prodotto da No I.D, un nome che ultimamente si è sentito molto spesso, per le collaborazioni con Jay-Z e Kanye West, ma che se si scava si scopre essere il produttore originario dei primi lavori del rapper di Chicago.

I dischi di Common vanno sempre ascoltati a lungo, per esserne completamente assorbiti; “The Dreamer” apre il disco, e “The Believer” lo chiude. Il primo è un pezzo stupendo, nel quale il rapper si autodefinisce un “hopeless hip hop romantic” e che si chiude su un sermone della poetessa Maya Angelou; un testo da leggersi assolutamente. Il secondo, più potente, vede l’amico John Legend alle prese con un ritornello decisamente spesso, soprattutto dal punto di vista lirico e prelude al canonico spazio per “Pops”, il papà di Common, ex giocatore di Basket professionista che in ogni album lascia una traccia di sé stesso, con dei lunghi discorsi.

Al centro il solito vorticoso incedere delle liriche di Common, che sanno tracciare solchi profondi sia nelle strofe più personali sia in quelle più stylish (e ce ne sono, se si pensa che “Sweet” sembra essere stata intesa addirittura come un dissing a Drake, non ditemi che non l’avete letto da nessuna parte). Un alternarsi tra le venature più caramellate di pezzi come Lovin I Lost – con il sample che alla fine rende un inconsapevole Curtis Mayfield l’autore di un ritornello che ci sta bene come il cacio sui maccheroni – o il rilassatissimo storytelling “Windows” a quelle più auto celebrative di “Raw (How You Like It)” e festose, come in “Celebrate”. Il tutto passeggia su una moquette morbida, prodotta da un beat maker che evidentemente sapeva bene con che genere di MC avrebbe collaborato.

L’hip hop è un veicolo particolarissimo, non mi stancherò mai di scriverlo nelle mie recensioni, a costo di sembrare ripetitivo; è una musica che riesce a trasmettere emozioni diametralmente opposte con il solo uso della parola e qualche campione. Riesce ad essere straordinariamente potente e allo stesso tempo straordinariamente mistico e profondo; tra i generi musicali “non generalisti”, passatemi il termine, è quello che offre il ventaglio più ampio di alternative e riesce ad accompagnare qualsiasi tipo di umore e qualsiasi tipo di giornata, non siete d’accordo?

Common è uno di quei rappers dell’hip hop mainstream che ti sanno emozionare; un autentico romantico, di quelli che ti fanno rimpiangere di non essere madrelingua, per poter cogliere tutte le sfumature della sua scrittura. Per di più è uno di quelli che sa fare dischi e sfruttare il proprio potenziale, per quello con lui si va sempre sul sicuro. Mi viene in mente quando ascoltai un suo featuring sul disco di Ludacris: il pezzo si chiamava “Do the right Thing” e ricordo di aver pensato che non c’era un rapper migliore di Common per un titolo come quello. Lui per ora è uno di quelli che la cosa giusta l’ha sempre fatta e che non ha mai sbagliato un colpo. Per questo, “The Dreamer/The Believer” è esattamente quello che mi aspettavo: l’ennesima, superba fatica un Artista con la A maiuscola.

————————————————————————————————————————————————

Robert Pagano

 

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button