Grazie al sostegno pubblico alla legalizzazione della cannabis ai massimi storici e con sempre più atleti che usano la cannabis per curare il dolore, i quattro principali campionati sportivi statunitensi stanno riducendo le restrizioni e le punizioni allineandosi al trend nazionale. L’uso ricreativo di cannabis è legale in 17 stati e la marijuana medica è consentita in 33, ben 101 delle 123 squadre (82,1%) di NFL, NBA, MLB e NHL giocano in quegli stati.

Sebbene l’NHL (National Hockey League) esegua il test per la cannabis, non c’è punizione per i positivi, a dicembre, la MLB (Major League Baseball) ha rimosso la marijuana dalla sua lista di sostanze vietate e ora la tratta come l’alcol. Per quanto riguarda la NFL  (National Football League) sono stati ridotti i test ed eliminate le sospensioni per i positivi. L’unica a essere in ritardo rispetto alle altre tre è l’NBA (National Basketball Association), la cannabis rimane nell’elenco delle sostanze vietate e i giocatori sono soggetti a quattro test casuali durante la stagione regolare anche se, causa Covid, durante l’ultima e la prossima stagione, non testerà i suoi giocatori per la cannabis.

L’ultima organizzazione sportiva a rivedere le sue politiche sulla cannabis è l’Association of Boxing Commissions and Combative Sports (ABC). Due mesi dopo che l’Ultimate Fighting Championship (UFC) ha annunciato che i test di cannabis positivi non provocano più multe e sospensioni per i combattenti UFC, il comitato medico consultivo della ABC ha convenuto che l’uso di cannabis negli sport da combattimento dovrebbe essere trattato come un reato minore rispetto ad altre sostanze vietate.

Durante l’ultimo anno, almeno cinque combattenti UFC erano stati sospesi a seguito di test sulla cannabis positivi. La Nevada State Athletic Commission, in particolare, non ha esitato a sospendere, multare e ribaltare le vittorie per i combattenti risultati positivi alla cannabis.

Secondo le nuove linee guida, se l’atleta risulta positivo per THC con un tasso superiore a 150 ng/ml, non verrà sospeso ne l’eventuale vittoria ribaltata. Un secondo test positivo oltre il limite, come segnalato da MixedMartialArts.com, comporterà un’altra multa di 100 dollari, in più l’atleta coprirà anche i costi del test, stimati in circa 295 dollari. Ulteriori violazioni potrebbero comportare un aumento delle multe e l’iscrizione a un programma di consulenza sulla droga.

Il comitato afferma inoltre che: “Il THC non è un farmaco che migliora le prestazioni, è un soppressore delle prestazioni e gli atleti che risultano positivi al THC non dovrebbero essere puniti allo stesso modo di un atleta che risulta positivo ai farmaci che migliorano le prestazioni”.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.