CannabisHigh timesnarcotraffico

Narcos, piantagioni di erba e omicidi: Trapani sta diventando la Tijuana d’Italia

Ad alzare il velo dell’attenzione nazionale è stato l’omicidio di un maresciallo dei Carabinieri la notte del 31 maggio, colpito da una raffica alle spalle mentre, insieme ad un collega, era appostato nei pressi di una mega serra di marijuana. Un fatto che, coinvolgendo un uomo dello stato, ha svelato una dinamica che pare in corso da diverso tempo. Un salto di qualità criminale da parte delle organizzazioni che gestiscono il traffico di erba in Italia.

L’agguato costato la vita al maresciallo Silvio Minarchi non è infatti un caso isolato. Pochi giorni prima (il 25 maggio), sempre in provincia di Trapani e a poca distanza dalle piantagioni, un cittadino rumeno era stato ritrovato carbonizzato in un probabile regolamento di conti malavitoso, mentre il 27 maggio un ragazzo era stato ferito con un colpo di pistola mentre si trovava nei pressi di un’altra piantagione del trapanese, forse nell’intento di rubare alcune piante, ma non è chiaro. Quel che è chiaro invece, è che i trafficanti della zona sembrano aver messo da parte il “profilo basso” abbracciando le tecniche dei narcos di altre zone del mondo – dal Messico all’Albania – dichiarando guerra a chiunque ne ostacoli gli affari, stato compreso.

il luogo dove è stato ucciso il maresciallo Silvio Mirarchi
il luogo dove è stato ucciso il maresciallo Silvio Mirarchi

E d’altra parte, stando ai dati sui sequestri pubblicati dal Ministero degli Interni, appare ormai chiaro come i numeri del traffico di droghe leggere rappresentino una voce di bilancio fondamentale per la malavita. Abbastanza alto da valere il rischio di un’abbozzo di guerra allo stato, a quanto pare. Giusto ieri la polizia ha scoperto, sempre a Marsala, una piantagione all’aperto di circa 15mila piante di cannabis. E a colpire oltre alla quantità sono soprattutto le modalità della coltivazione, rivelate dal comunicato degli agenti: il campo completamente recintato e protetto da piante alte per impedire la visuale, le serre collegate tra loro con impianti irrigui e canali, il laboratorio attrezzato per la lavorazione del raccolto posto di fianco alle serre, la zona di campo destinata alle piante raccolte da essiccare. Più che una campo, un vero e proprio centro di produzione, lavorazione e stoccaggio, simili a quelli che sono presenti in Albania, dove non a caso da oltre un anno è in corso una vera e propria guerra nascosta.

La piantagione di marijuana sequestrata a Marsala
La piantagione di marijuana sequestrata a Marsala

Le organizzazioni criminali nostrane sembrano infatti ormai indipendenti, e non si limitano più a smerciare la cannabis prodotta nei Balcani come avveniva in passato, prova ne è il fatto che dall’Albania è sempre meno l’erba che finisce sul mercato italiano. La criminalità italiana ora sembra puntare all’autoproduzione. Secondo i dati degli Interni nel 2015 sono stati 30.166 i chili di hashish e marijuana già stoccati sequestrati in Sicilia (una quota che vale il 45% di tutti i sequestri avvenuti in Italia). Quantità di droghe leggere che sul mercato poteva fruttare oltre un miliardo di euro, e parliamo ovviamente solo della cannabis che le forze dell’ordine hanno sequestrato. Facile a questo punto ricordare le parole, rimaste inascoltate, dell’ultimo rapporto della Direzione Nazionale Antimafia: per sconfiggere le mafie bisogna cominciare legalizzando le droghe leggere.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.